Un’altra collisione di droni mai avvenuta

droni_dji

Uno sviluppo importante è avvenuto oggi per tutti coloro che sono preoccupati per la sicurezza dei droni. Nel dicembre 2018, i piloti di un Aeromexico 737 sentirono un forte colpo mentre si preparavano per atterrare a Tijuana, in Messico. La parte laterale nella parte anteriore del jet era gravemente danneggiata, ma non c’erano prove che fosse stato colpito un uccello. Molti osservatori hanno rapidamente concluso che era stato colpito un drone.

Oggi abbiamo appreso che non era vero. Bloomberg News ha pubblicato i risultati di un’indagine Boeing a nome del Consiglio nazionale per la sicurezza del trasporto degli Stati Uniti, che ha concluso che il muso del jet probabilmente ha subito un crollo interno perché è stato installato in modo improprio. Gli ingegneri di Boeing escludevano qualsiasi collisione con un oggetto. Per buona misura, il Feather Identification Lab dello Smithsonian Institution non ha trovato tracce di DNA o piume di uccelli sul muso.

Questa non è stata la prima volta che i media di tutto il mondo hanno segnalato una collisione di droni con un aereo che in seguito è stato smentita. Invece, è almeno la settima volta che avviene un crollo strutturale del muso, ed è almeno la seconda volta che per tale crollo strutturale è stato erroneamente incolpato un drone.

Per tutto il bene che i droni DJI stanno facendo in tutto il mondo, dal fare fotografie sorprendenti a salvare vite umane, alcune persone continuano a pensare che i droni siano un pericolo nei cieli. DJI ha raccolto dozzine di esempi da tutto il mondo di presunti avvistamenti di droni, quasi incidenti e collisioni che probabilmente, e in alcuni casi sicuramente, non sono vere. Sono numerosi gli esempi di come siano stati incolpati i droni per incidenti ravvicinati e collisioni a mezz’aria, causati in realtà da uccelli, pipistrelli, palloncini, un sacchetto di plastica e guasti strutturali.

“Elevating Safety” documenta il modo in cui i regolatori dell’aviazione negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nell’Europa continentale mantengono elenchi di reclami relativi ai droni che risultano essere imprecisi. Indaga anni di resoconti dei media su incidenti attribuiti ai droni ma causati da qualcos’altro. E spiega perché anche piloti di aerei ed elicotteri ben intenzionati trovano quasi impossibile identificare correttamente altri oggetti nel cielo, e tanto meno stimare quanto siano lontani o se rappresentano un rischio.

DJI è a conoscenza che la stragrande maggioranza dei piloti di droni vuole volare in modo sicuro e responsabile, e ha impiegato anni a sviluppare tecnologie intelligenti come geofencing, limiti di altitudine e sistemi di ritorno automatico per aiutare i droni a mantenere il loro record di sicurezza ammirevole. Stanno anche installando sistemi di rilevamento di aeroplani e elicotteri di livello professionale in nuovi droni consumer a partire dal prossimo anno, per avvertire i piloti di droni di potenziali collisioni in modo che possano mettersi in movimento in tempo. Questi strumenti e altri ancora hanno contribuito a garantire che nonostante i titoli negativi su storie fasulle, i droni sono rimasti una tecnologia straordinariamente sicura.

Ma le cattive impressioni contano. Come si legge nel rapporto DJI: “Per le autorità di regolamentazione, i funzionari eletti e le compagnie di droni che cercano di rendere i droni più sicuri, le notizie inesatte come quelle non sono solo fuorvianti. Danneggiano il processo di miglioramento della sicurezza, perché focalizzano l’attenzione su eventi oltraggiosi che non accadono, invece che sui rischi del trasporto aereo che possono essere meno sensazionali ma molto più prevalenti “.

Ecco perché siamo tutti felici di vedere finalmente la verità sull’incidente Aeromexico. Sarebbe bello se ogni notiziario che gestiva una storia spaventosa speculando su una collisione di droni avesse corretto la propria storia, ma sappiamo che probabilmente non accadrà. Al contrario, speriamo che questo spronerà i media, l’industria dei droni, i funzionari governativi e il pubblico in generale a essere scettici la prossima volta che sentiranno un’accusa non verificata che un drone si è avvicinato a un aereo in volo a migliaia di metri.

Leave a Reply