Come i droni sono stati fondamentali durante il più grande disastro da frana nella storia della Norvegia

DJI Pubblica Sicurezza

In situazioni di disastro, i primi soccorritori spesso sopportano gli stessi rischi mortali delle vittime stesse. Scopri come i primi soccorritori senza pilota di DJI possono aumentare le possibilità di successo di qualsiasi operazione di salvataggio e salvare più delle semplici vite delle vittime di disastri.

La chiamata degli eroi

Quando Kenny Åserud ha risposto alla chiamata di emergenza il 30 dicembre 2020 alle 4:00, non si aspettava che sarebbe stato l’inizio della missione di salvataggio più lunga e impegnativa che la sua squadra avesse mai affrontato.

La portata della situazione è emersa rapidamente: questo è stato il più grande disastro da frana nella storia della Norvegia, che si estende su due (2) chilometri quadrati e ha colpito il villaggio di Ask a Gjerdrum. Con temperature fino a -23 ° C, Kenny ei suoi colleghi avrebbero bisogno di localizzare i sopravvissuti il più rapidamente possibile e mettere a rischio la propria sicurezza nel processo.

Photo Credit: Nicholas Caprino Newhouse, Andøya Space

I servizi di emergenza norvegesi sono addestrati a utilizzare i droni nelle missioni di soccorso per ottenere una panoramica dettagliata del sito del disastro. Gli obiettivi principali sono mappare le posizioni dei possibili sopravvissuti e contrassegnare i potenziali pericoli per i soccorritori stessi. Di fronte a un’area così vasta di devastazione, l’assistenza dei droni sarebbe inestimabile.

Quando gli elicotteri di soccorso avevano portato in salvo i primi sopravvissuti, gli operatori dei droni hanno lanciato DJI Matrice 300 RTK per iniziare a mappare l’area, consentendo al centro di comando di coordinare la ricerca da una distanza di sicurezza. Con i droni in volo ininterrottamente per i prossimi 40 giorni, questa è diventata la più grande operazione di salvataggio di droni in Europa fino ad oggi.

“Questo è stato un incidente davvero unico che ha portato a una delle più grandi operazioni di soccorso in Norvegia. Garantire che tutti abbiano la stessa comprensione dell’operazione è sempre importante ma difficile. I droni ci hanno aiutato in questa sfida. Inoltre, hanno fornito dati di sensori aerei di alta qualità per monitorare la frana in modo da poter continuare l’operazione in sicurezza a tutte le ore “

Jørgen Lunde Ronge, sovrintendente di polizia, distretto di polizia di Oslo

I droni possono vedere ciò che gli umani non possono

Poiché lo spazio aereo era inizialmente occupato esclusivamente da elicotteri, il primo dispiegamento di droni è stato possibile solo dopo il tramonto, quando sia la visione umana che l’imaging convenzionale della telecamera erano del tutto inutili. Tuttavia, i droni che sono stati schierati hanno utilizzato il carico utile della visione termica Zenmuse H20T per creare una mappa ad alta risoluzione al buio.

Nicholas Newhouse, uno degli operatori di droni, ha anche sottolineato un altro importante vantaggio della mappatura a infrarossi: la dimensione ridotta del file delle immagini a infrarossi rispetto alle fotografie tradizionali. Ciò consente un tempo di elaborazione molto più breve, dando ai soccorritori l’opportunità di lavorare con la mappa finita solo cinque ore dopo il lancio iniziale del drone. In effetti, è bastata solo un’ora per elaborare le immagini a infrarossi in una mappa 3D finita dopo l’atterraggio dei droni. La mappa è stata quindi resa accessibile a tutti i servizi di emergenza coinvolti nella missione, fornendo loro le informazioni di cui avevano bisogno per navigare in sicurezza nel luogo del disastro al buio.

“Creando ortomosaici, modelli 3D o come strumento per la ricerca e il soccorso, i sensori H20T su un Matrice 300 RTK sono stati una combinazione indispensabile per questa impegnativa missione.”

Nicholas Caprino Newhouse, pilota spaziale Andøya

La consapevolezza della situazione è una maratona, non uno sprint

Avere una mappa aiuta a ottenere un’impressione dettagliata della situazione e dei possibili pericoli. Tuttavia, all’indomani di una frana, uno dei rischi principali per i sopravvissuti e per i soccorritori è la rottura dell’integrità strutturale del suolo che potrebbe portare a frane successive. Al fine di valutare eventuali rischi in tal senso, vengono create più mappe a intervalli periodici.

Il DJI Matrice 300 RTK consente rotte di volo fisse pre-pianificate che rendono molto più semplice il confronto dei risultati della mappatura poiché le posizioni dei waypoint da cui è stato rilevato il terreno non cambiano ad ogni volo come farebbero se le foto fossero state scattate da un elicottero. Ciò consente un’analisi accurata dei cambiamenti nell’ambiente che suggeriscono pericoli strutturali nel terreno.

Il software di navigazione avanzato nel DJI Matrice 300 RTK ha anche reso molto più semplice la cooperazione tra i droni e gli elicotteri, che spesso erano contemporaneamente in aria. Questo software, in combinazione con un’eccellente strategia di comunicazione, eliminava del tutto il rischio di incontri pericolosi tra i diversi tipi di aeromobili nello spazio aereo condiviso.

Secondo Dan Richard Isdahl-Engh, che era l’analista dei dati che utilizzava le mappe dei droni per acquisire consapevolezza della situazione per la missione di soccorso, avendo accesso a mappe precise, aggiornate e ad alta risoluzione di un’area disastrata in un così breve arco di tempo il tempo era senza precedenti. In precedenti disastri naturali, il team avrebbe dovuto attendere immagini satellitari che offrissero solo immagini statiche a bassa risoluzione, obsolete.

I droni consentono alle squadre di soccorso di andare oltre senza mettere a rischio la sicurezza del loro personale

Gli elicotteri sono vitali per recuperare rapidamente i sopravvissuti, ma non sono ideali per le missioni di mappatura a causa del loro campo visivo ristretto e della quantità di turbolenza creata dalle pale del rotore. I detriti sollevati da case e oggetti distrutti rappresentano una minaccia per la sicurezza dei soccorritori e, a temperature sotto lo zero, l’aria fredda può renderla insopportabile per il personale a terra. I droni sono molto più adatti a questo tipo di missione.

Anche se il terreno di Ask era principalmente fango che bloccava gran parte del calore da qualsiasi cosa fosse sepolto in profondità al suo interno, con la visione termica Zenmuse H20T, gli operatori dei droni erano ancora in grado di identificare il segnale di calore di un cane intrappolato dopo 22 ore dall’operazione. Poiché l’elicottero di salvataggio ha impiegato un po ‘di tempo per raggiungere la posizione del cane, un drone DJI Matrice 300 RTK è stato schierato per librarsi sulla posizione per assicurarsi che il cane rimanesse fermo e contrassegnato con un faro costante fino a quando il cane non è stato sollevato in sicurezza. Ciò evidenzia un’altra caratteristica del DJI Matrice 300 RTK: gli operatori di droni sono rimasti continuamente colpiti dalle sue capacità di tempo di volo e dalla lunga durata della batteria, anche a temperature sotto zero.

DJI Matrice 300 RTK
Un’istantanea di come il DJI Matrice 300 RTK è stato utilizzato e massimizzato nelle operazioni di salvataggio del più grande disastro di frana nella storia della Norvegia.

Complessivamente la missione è durata oltre 40 giorni, in cui i soccorritori erano pronti a mettere a rischio la propria incolumità per salvare gli altri. Sono stati supportati da oltre 270 ore di volo con i droni, fornendo ai soccorritori riprese aeree in tempo reale e agli analisti mappe accurate della situazione che potevano utilizzare per la valutazione del rischio e l’analisi predittiva.

Secondo la squadra di soccorso, l’uso di droni DJI senza pilota ha permesso loro di spingere i limiti dell’operazione e di fare cose precedentemente impensate; come usare i droni come arieti improvvisati per rompere le finestre attraverso le quali potrebbe volare un secondo drone. Anche se i droni DJI non dovrebbero generalmente essere utilizzati in questo modo, evidenziano il vero vantaggio dei droni per le operazioni di soccorso: la capacità di fare tutto ciò che serve per salvare vite umane senza mettere a rischio la salute e la sicurezza della squadra di soccorso.

“Anche con scarsa visibilità, i droni erano ancora in grado di funzionare. Le persone erano ancora in grado di fare il loro lavoro mentre i droni erano in aria! “

Morten Helgesen, vigile del fuoco di Gjerdrum

Aiuto dall’alto

La componente più importante di qualsiasi missione è un set completo di informazioni. Pone le basi per ogni operazione e garantisce che le decisioni vengano prese in modo consapevole. In una missione come questa, che è durata per oltre 40 giorni in condizioni estreme con temperature fino a -23 ° C e venti fino a 18,4 m / s, le squadre di soccorso hanno bisogno di quante più informazioni affidabili possibili per rendere la loro missione un successo .

DJI Matrice 300 in azione
Photo credit: Anders Martinsen, UAS Norway

La missione di salvataggio ad Ask, Gjerdrum è stata quella in cui vigili del fuoco, poliziotti, personale militare, operatori di droni, piloti di elicotteri, analisti, Andøya Space, Norwegian Geotechnical Institute e persino i residenti hanno lavorato insieme per salvare vite umane. È stata una dimostrazione profondamente commovente di resilienza e gentilezza umana. La gente è venuta con cibo, bevande e supporto emotivo per i soccorritori. Alla vigilia di Capodanno, un bambino ha offerto i suoi cioccolatini dicendo che i soccorritori ne avevano bisogno più di lui. Un perfetto esempio di come questa comunità abbia dato tutto il possibile per supportare questa operazione.

DJI è orgogliosa di aver preso parte a questo sforzo collettivo per salvare vite umane e aiutare a proteggere la sicurezza dei primi soccorritori e dei soccorritori.

DJI Matrice 300 RTK
Aumenta il successo delle tue operazioni di salvataggio con DJI Matrice 300 RTK.

UAS Norway, l’organizzazione UAV in Norvegia, ha svolto un ruolo centrale nel garantire che la sicurezza del volo e l’integrazione di droni di più operatori, sia con equipaggio che senza pilota, fossero ottimizzati nei giorni successivi alla frana. Hanno lavorato come punto di connessione tra i fornitori di servizi di spazio aereo nazionale (NASP), l’autorità aeronautica (CAA) e il comandante dell’incidente della polizia per garantire che i droni potessero essere utilizzati il più possibile, spesso fianco a fianco tra senza equipaggio e con equipaggio risorse a Gjerdrum.

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se disabiliti i cookie alcune funzionalità non saranno disponibili.