Come i droni stanno rimodellando i controlli dell’inventario di magazzino

magazzino

I robot volanti stanno rendendo le operazioni di magazzino più sicure, intelligenti e veloci

Quasi tutto ciò che possiedi a un certo punto è rimasto su uno scaffale di un magazzino. Per i produttori, i rivenditori e le società di logistica, tenere traccia di tutto l’inventario è una sfida costante.

La maggior parte dei magazzini ospita enormi popolazioni di prodotti che vengono spediti in piccoli lotti. C’è un’enorme quantità di abbandono e lo spazio di archiviazione viene riconfigurato al volo. La gestione dello spazio in un ambiente così dinamico è un processo continuo. È reso ancora più difficile durante l’alta stagione degli acquisti e con i livelli di personale influenzati dalla pandemia COVID-19.

Gestione tradizionale del magazzino – senza droni

Per rimanere al passo con le scorte, il personale del magazzino esegue tradizionalmente i controlli dell’inventario manualmente. Il più delle volte, è necessario un carrello elevatore per valutare i livelli delle scorte in quota.

Questi metodi datati hanno diverse limitazioni. Per cominciare, qualsiasi lavoro in quota comporta un certo grado di rischio. Gli incidenti possono accadere e succedono.

Anche i controlli dell’inventario con l’ausilio del carrello elevatore sono lenti, noiosi e lasciano spazio all’errore umano.

Quando il processo di gestione dell’inventario si basa su processi che richiedono tempo, ci sono effetti a catena. In primo luogo, la frequenza dei controlli di magazzino viene ridotta, portando a una minore visibilità per i magazzinieri e ad una maggiore probabilità che si verifichino problemi in futuro.

magazzino senza droni

In secondo luogo, questi compiti noiosi e ripetitivi si traducono inevitabilmente in disattenzione, aggravando il pericolo e aumentando la probabilità di errore umano.

Tutto questo sta accadendo nel contesto di un settore già sotto pressione per evolversi con l’aumento della domanda di e-commerce.

Chiaramente, questa è un’area di business pronta per la digitalizzazione. La domanda è quale forma prenderà quella soluzione. I primi segnali indicano che una combinazione di droni e intelligenza artificiale può offrire un’alternativa di gestione del magazzino sicura, scalabile ed economica.

Droni e gestione dell’inventario

In prima linea in questo approccio c’è Aeriu, una startup di software con sede a Budapest, in Ungheria.

Potresti aver incontrato Aeriu ad Airworks 2020, dove il CEO Gergely Ellenrieder ha presentato questa soluzione descrivendo come i dati dei droni possono essere utilizzati dai responsabili del magazzino per migliorare i rapporti e sviluppare soluzioni per l’industria 4.0.

Quest’estate Aeriu entrerà nel suo terzo anno. I primi clienti hanno incluso un gigante del mobile scandinavo e una società multinazionale tedesca di ingegneria e tecnologia.

Lavorare con entrambi ha permesso ad Aeriu di sviluppare e iterare una soluzione software per una gestione più intelligente dell’inventario.

gestione inventario con droni

Il flusso di lavoro è semplice. Il drone, attualmente un DJI Mavic 2 Pro standard, è pilotato dai magazzinieri per raccogliere rapidamente i dati delle etichette. Di solito si tratta di una combinazione di codici a barre e indicatori di ubicazione del magazzino.

Con il semplice tocco di un pulsante, le immagini vengono caricate sulla piattaforma cloud di Aeriu per un’analisi multiforme. Sono in gioco diversi strumenti perché, sebbene i marcatori di magazzino tendano ad essere standardizzati all’interno di una singola azienda, lo stesso non si può dire del settore dello stoccaggio in generale.

software gestione inventario con droni

Un modello di riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) riconosce numeri e simboli in più lingue. Questo può essere utilizzato per identificare le posizioni dei pallet rispetto alla directory del magazzino. Un modello di lettore di codici a barre rileva e identifica le scorte rispetto alla libreria di prodotti dell’azienda. Aeriu consente agli operatori di magazzino di costruire una mappa dell’inventario che individua in cosa consistono le loro scorte e dove si trovano.

Oltre a estrapolare i dati dalle immagini dei droni, la rete neurale di Aeriu utilizza il deep learning per risolvere una sfida molto specifica: identificare gli spazi vuoti. La piattaforma è stata addestrata per comprendere che anche l’assenza di scorte è un’informazione vitale e la trasmette di conseguenza.

identificazione spazi vuoti

Il rapido sviluppo della soluzione di Aeriu è stato aiutato da due cose. Il primo è l’esposizione diretta e il feedback di alcuni dei più grandi operatori di magazzino del mondo. Il secondo è un facile accesso all’hardware DJI che è capace, affidabile e con valido supporto tecnico.

“Grazie a questa collaborazione con DJI, possiamo fornire un prezioso supporto dal punto di vista dell’hardware, della manutenzione e della formazione”, spiega Ellenrieder. “L’utilizzo dei prodotti DJI funge da garanzia. Possiamo sviluppare ulteriormente la nostra soluzione perché DJI fa l’hardware mentre noi ci concentriamo sul lato software. “

In che modo una gestione del magazzino più intelligente è diventata una priorità nel 2020

La pandemia ha portato pressioni ai gestori di magazzino in tutto il mondo. La carenza di personale e le restrizioni relative alle distanze sociali sul posto di lavoro hanno posto nuove barriere ai controlli delle scorte. Per molti, questa sfida è stata esacerbata dall’enorme aumento dell’e-commerce online e dalle complicazioni della catena di approvvigionamento.

“Tutti i vantaggi che offriamo sono diventati ancora più preziosi nell’ultimo anno”, afferma Ellenrieder, che ha anche rivelato un notevole aumento dei lead in entrata durante la pandemia. “Soprattutto nel terzo trimestre e nel quarto trimestre del 2020, quando sono stati effettuati molti controlli annuali delle scorte di magazzino. Abbiamo sentito da molte aziende che non potevano utilizzare tutte le persone come normalmente facevano”.

Vi sono anche crescenti preoccupazioni per la sicurezza riguardo al modo in cui vengono effettuati i controlli dell’inventario. Le normative variano sull’uso delle gabbie per carrelli elevatori, che in alcune giurisdizioni dovrebbero essere utilizzate per lavori in quota solo in circostanze eccezionali.

Qualunque siano i regolamenti, non c’è dubbio che i droni abbiano un record di sicurezza molto maggiore rispetto ai macchinari pesanti del magazzino.

Ci sono ulteriori vantaggi oltre alla capacità di prendere decisioni basate sui dati e far fronte in modo sicuro alla carenza di manodopera. I consigli di amministrazione di ogni settore sono alla ricerca di modi più puliti ed ecologici per condurre le operazioni quotidiane. I carrelli elevatori utilizzano circa 72 kW all’ora, mentre un drone utilizza quasi 0,72 kW all’ora. Questa grande differenza nell’uso dell’energia evidenzia perché il primo è lungi dall’essere uno strumento di raccolta dati efficiente.

sistema raccolta dati con drone

Scansioni scalabili dell’inventario del magazzino con Mavic 2 Pro

Con DJI che copre l’hardware, Aeriu è stata libera di sviluppare una soluzione software convincente e facile da scalare. La società attualmente a bordo di nuovi clienti con Mavic 2 Pro. Il modello è immediatamente disponibile, facile da usare e viene fornito con un sensore da 1 pollice.

“Abbiamo testato tutti i droni disponibili. Durante l’elaborazione delle immagini con il modello OCR e il modello del codice a barre, ci siamo subito resi conto che la fotocamera Hasselblad del Mavic 2 Pro funziona al meglio”, afferma Ellenrieder.

Aeriu fornisce formazione sul posto di lavoro e il personale del magazzino diventa operativo in pochi giorni. La modalità Tripod di DJI, che limita drasticamente la velocità massima e la distanza di arresto, semplifica il processo e garantisce che le operazioni al chiuso vengano eseguite in sicurezza. Anche con quel proverbiale freno a mano abilitato, Ellenrieder stima che la soluzione acceleri le ispezioni dell’inventario del magazzino del 30 percento, con un drone che costa meno del 10 percento di un sistema di carrelli elevatori.

Aeriu lavora anche a stretto contatto con i clienti per sviluppare standard di sicurezza. “I lavoratori del magazzino sono abituati a politiche rigorose e molte politiche aziendali sono standardizzate. Chiudiamo l’area in cui opera il drone e diminuiamo la possibilità di incidenti perché c’è solo il pilota”.

Ellenrieder ha visto il lavoro della sua azienda convalidato dai responsabili delle decisioni di alcuni dei più grandi nomi della produzione. “Tre anni fa ridevano. Pensavano che fosse un giocattolo. Ora i leader aziendali pensano alla nostra soluzione come ad alta tecnologia e qualcosa che è il 30% più veloce rispetto ai controlli tradizionali dell’inventario. I droni volanti vengono efficacemente integrati nei piani di sviluppo personale dei dipendenti”.

L’unica strada è verso l’alto

Ci sono diversi fattori che guidano l’adozione della tecnologia dei droni nei controlli dell’inventario del magazzino.

La crescente sofisticazione di hardware e software sta andando in una direzione: verso flussi di lavoro più autonomi che possono far risparmiare tempo e aiutare a contenere i costi.

“Questo è un settore che non è cambiato da 30 anni. Ma la digitalizzazione sta arrivando. Il megatrend del conteggio dei cicli sta arrivando con rapporti mensili sulle scorte piuttosto che con controlli annuali. Le aziende stanno raddoppiando gli investimenti nella digitalizzazione dei magazzini in questo momento”, sottolinea Ellenrieder.

C’è anche il fatto pratico che lo spazio di magazzino nelle aree del centro città, almeno nell’Europa occidentale, dove Aeriu si è concentrata fino ad oggi, è sempre più difficile da trovare. Produttori e rivenditori sono costretti ad espandere lo stoccaggio verso l’alto e innovare piuttosto che acquisire nuovi siti.

Operazioni di magazzino efficaci sono la pietra angolare di molti dei prodotti e servizi che diamo per scontati. La richiesta di flussi di lavoro industriali più intelligenti è enorme. Tanto che ci sono già concorrenti nel mercato in rapido sviluppo per i controlli dell’inventario dei droni.

L’attenzione al software di Aireu e lo stretto rapporto con DJI consente ai suoi clienti di scalare attraverso i canali di distribuzione esistenti e di adottare la tecnologia dei droni con facilità, con la certezza che le loro operazioni sono supportate dal più grande nome del settore.

Questo elemento è stato inserito in Blog e taggato .

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se disabiliti i cookie alcune funzionalità non saranno disponibili.