Comprendere la soluzione AeroScope di DJI

dji_aeroscope

DJI ha recentemente introdotto AeroScope, il suo sistema pronto all’uso per identificare, tracciare e monitorare i droni, proteggendo al contempo la privacy degli operatori e imponendo costi non elevati. I funzionari delle forze dell’ordine, della sicurezza nazionale e della sicurezza aerea sono stati lieti di vedere AeroScope affrontare le loro legittime preoccupazioni riguardo la sicurezza dei droni.

Tuttavia, alcune società “contro-drone” che vedono AeroScope come una minaccia competitiva ai loro prodotti costosi hanno deliberatamente distorto il modo in cui AeroScope funziona e sollevato obiezioni sprezzanti su come AeroScope supporta le operazioni legittime dei droni.

Considera la fonte

Un recente attacco è venuto dal Department 13, una società che vende un sistema di rilevamento di droni da 340.000 dollari con una tassa di mantenimento annuale di 44.000 dollari. Department 13 ha visto il valore delle sue azioni scendere del 20% al minimo in 21 mesi dopo che DJI ha annunciato AeroScope. (DJI non ha fissato un prezzo per AeroScope, ma dovrebbe essere inferiore a 5.000 dollari.)

DJI AeroScope utilizza le apparecchiature radio di comunicazione esistenti a bordo dei droni per fornire alle autorità un modo affidabile per identificare e monitorare i droni in volo, specialmente in prossimità di luoghi sensibili che possono sollevare problemi di sicurezza come gli aeroporti. La soluzione si comporta come una “targa elettronica per i droni” e aiuta a garantire che i droni rimangano un sicuro beneficio aggiuntivo per il nostro spazio aereo.

Department 13 ha rilasciato un documento che mette in discussione la sicurezza dei protocolli AeroScope e l’intero concetto di una soluzione di trasmissione locale che identifica i droni proteggendo al tempo stesso la privacy dell’operatore. DJI desidera correggere le affermazioni inesatte o fuorvianti diffuse da questa azienda e spiegare ulteriormente come AeroScope sia una soluzione che può essere ampiamente utilizzata da tutte le società di sistemi aeromobili senza pilota (UAS) per fornire standard comuni per la sicurezza e la privacy del pilota di droni, a costi molto bassi.

Diritti sulla privacy dei piloti di droni

I governi di tutto il mondo hanno chiarito che intendono richiedere presto a tutti i droni di trasmettere alcune informazioni di identificazione e telemetria. DJI crede che sia necessario un importante dibattito sulla politica pubblica per bilanciare le legittime preoccupazioni delle autorità contro gli interessi sulla privacy degli operatori dei droni, nonché gli oneri e i costi che verranno loro addebitati.

DJI è stata l’industria che più si è prodigata per affrontare la privacy, i costi e le preoccupazioni operative dei piloti di droni in queste discussioni normative. DJI rimane l’unica grande azienda del settore UAS ad aver espressamente rivendicato i diritti alla privacy degli operatori di droni nei loro affari e l’uso personale dei droni e ha sostenuto tali diritti nei forum politici e nelle commissioni di regolamentazione. Un certo numero di altre grandi aziende nell’industria degli UAS prende esattamente la posizione opposta sulla privacy dei droni.

Anche la discussione sui lettori di targhe automobilistiche (ALPR) e sui database governativi o privati ​​è valida. Tuttavia, il white paper di Department 13 prevede un possibile risultato a lungo termine non peggiore di varie soluzioni ID remote alternative in cui un sistema di “consapevolezza totale” non è solo un possibile risultato, ma il punto di partenza per la progettazione. Department 13, il cui prodotto sarebbe suscettibile alle stesse preoccupazioni di ALPR, non presenta alcuna proposta alternativa per l’ID remoto UAS.

Preoccupazioni per lo spoofing

Innanzitutto, c’è un equivoco sulle ipotesi di politica pubblica dietro l’ID remoto drone. La politica di identificazione remota, simile alla politica di registrazione degli UAS, presume che la maggior parte delle persone voglia o si adegui volontariamente ai requisiti legali e viene presentato un mezzo di conformità che comporta un onere abbastanza basso.

Le soluzioni di registrazione e ID non cercano di fermare i “cattivi attori” che troveranno il modo di operare al di fuori del sistema, proprio come un sistema di targhe non fa nulla per impedire alle persone di rimuovere, forgiare, coprire, o rubare e scambiare targhe . Abbiamo anche sentito dalle agenzie di sicurezza che l’obiettivo per l’ID remoto è di avere un’alta percentuale di droni identificati, con l’aspettativa che alcuni droni non saranno mai identificati.

In secondo luogo, il “jailbreak” di un drone tramite l’hacking del software è una violazione dei termini d’uso di DJI (perché compromette le funzionalità di sicurezza) e anche oltre le capacità o l’interesse della stragrande maggioranza degli utenti di droni. Coloro che vorrebbero spoofare le loro informazioni di identificazione di fronte a un obbligo legale probabilmente acquisterebbero comunque un marchio non conforme alle ID o un drone auto costruito. Inoltre, altre soluzioni di ID remoto che consentono agli utenti di droni di fornire informazioni ID in un sistema saranno anche esposte ad alcuni rischi di spoofing, forse a livello di sistema.

Terzo, una volta che Remote ID è un mandato legale, ci sarà un metodo di back-end, sia per le autorità aeronautiche che per le forze dell’ordine, per verificare che l’ID trasmesso sia valido e corrisponda al pilota di droni. Ciò sarebbe analogo ai funzionari delle forze dell’ordine che verificano la targa e le informazioni di registrazione sulla strada. Poiché non esiste ancora alcun requisito legale per l’ID remoto, è prematuro che DJI e le autorità aeronautiche implementino un metodo per proteggere il meccanismo dell’ID remoto. Quando entrano in vigore i requisiti normativi dell’ID remoto, DJI è sicuro che AeroScope avrà la capacità di adattarsi e soddisfare i requisiti di sicurezza richiesti.

La possibilità di visualizzare ID drone senza utilizzare un ricevitore AeroScope

DJI intendeva sin dall’inizio la sua soluzione per consentire ad altre società di progettare e costruire ricevitori in modo che le informazioni di identificazione remota trasmesse dalla radio di comando e controllo del drone potessero essere il metodo più semplice e meno costoso per soddisfare le esigenze di policy per l’identificazione remota. Siamo lieti che altre aziende stiano già imparando come costruire i ricevitori da soli.

Possibilità di disattivare parti delle informazioni ID remote

Il white paper di Department 13 segnala inoltre che determinate informazioni nella trasmissione dell’ID remoto possono essere attivate e disattivate dall’utente. Questo è di progettazione, per consentire ai clienti DJI di prendere determinate decisioni su quali dati trasmettere in anticipo rispetto a un mandato normativo. Come con la maggior parte della tecnologia, la versione pre-release e pre-regolazione spesso differisce da una versione di implementazione finale. Una volta che il governo ha implementato un requisito di identificazione remota, alcune di queste opzioni utente verranno rimosse in modo che le informazioni richieste per essere trasmesse vengano sempre trasmesse.

Una soluzione aperta e flessibile

Il white paper di Department 13 non discute altre soluzioni di identificazione remota né fornisce raccomandazioni approfondite. DJI comprende e si aspetta che essere il primo sul mercato con una tecnologia di identificazione remota completa ed efficace sottoponga AeroScope a un controllo. Un’utile valutazione delle tecnologie di identificazione remota dovrebbe anche esaminare metodi alternativi, che dal nostro punto di vista sono più invasivi, più onerosi, più costosi e potenzialmente meno sicuri di AeroScope.

DJI intende per altre società la creazione di ricevitori in grado di rilevare e identificare i droni DJI e i droni di altri produttori, in modo che la soluzione ai problemi delle policy ID dei droni possa essere accessibile ed economica per le autorità che lo richiedono. Il nostro obiettivo è molto chiaro: stiamo cercando di risolvere un problema e di consentire ai droni di essere più accettati dalla società per abilitare applicazioni incredibili, non di trarre un enorme profitto dalle preoccupazioni sollevate da un piccolo numero di droni non autorizzati in località sensibili.

Leave a Reply