La startup francese Agri.Builders ha sviluppato un nuovo accessorio per il DJI Matrice 200 per supportare le pratiche di agricoltura biologica nei frutteti

L’uso dei droni in agricoltura non è esattamente nuovo. Gli agricoltori hanno sfruttato i droni in varie fasi del ciclo colturale per gestire le loro operazioni in modo più efficiente, compreso l’utilizzo di droni industriali pesanti per spruzzare quantità misurate di pesticidi attraverso i campi.

La novità, tuttavia, è l’uso dei droni per trattare le colture con tecnologie di controllo biologico come l’interruzione dell’accoppiamento. Ed è esattamente ciò che è stato visto ad AirWorks 2020, il raduno annuale di DJI di professionisti dei droni commerciali, esperti di tecnologia e responsabili politici.

Bio-Control Technologies

Tecnologie di controllo biologico: un’alternativa ai pesticidi

A seguito della continua e diffusa preoccupazione dell’opinione pubblica sugli effetti nocivi delle sostanze chimiche in agricoltura, molti paesi hanno emanato regolamenti che limitano l’uso di pesticidi.

Biocontrollo è il nome dato a una raccolta di metodi che proteggono le colture da vari tipi di parassiti utilizzando soluzioni naturali invece di sostanze chimiche. Ad esempio, mettendo le coccinelle contro piccoli insetti succhiatori di linfa chiamati afidi.

Interruzione accoppiamento

L’interruzione dell’accoppiamento è un’altra alternativa efficiente, economica ed ecologica ad alcuni pesticidi. Accreditato come tecnica di agricoltura biologica, il metodo utilizza distributori rivestiti di feromoni per impedire la riproduzione degli insetti, invece di ucciderli con sostanze chimiche.

Anni di ricerca e test hanno dimostrato che l’interruzione dell’accoppiamento può essere un metodo efficace per la gestione dei parassiti quanto i pesticidi convenzionali. Questo metodo è senza conseguenze disastrose sulla biodiversità, sull’inquinamento del suolo e dell’acqua o sulla salute degli agricoltori e dei consumatori. La tecnica si è dimostrata particolarmente efficace nei vigneti e nei frutteti che sono abitualmente devastati dalla falena dei frutti di bosco e dalla tignola.

In Francia e in molti altri paesi europei, gli agricoltori trattano sempre più gli alberi con feromoni appena prima della stagione degli amori della falena. Tuttavia, posizionare i distributori di feromoni il più in alto possibile nella chioma degli alberi per garantire risultati ottimali è una sfida logistica. Per la maggior parte, soprattutto considerando gli alberi ad alto fusto nei boschi di noci e castagni.

La startup francese Agri.Builders ha lavorato sull’utilizzo dei droni DJI per rendere l’intero processo molto più economico e facile da implementare.

Agribuilders dall'alto

Pherodrone: una soluzione biologica innovativa con drone per la coltivazione di alberi da frutto

Antoine Boudon, co-fondatore e pilota di droni, Agri.Builders, ha spiegato il concetto di Pherodrone durante una sessione di breakout ad AirWorks 2020.

Per essere chiari, Pherodrone non è esattamente un drone, ma un accessorio aggiuntivo in grado di trasformare droni professionali pesanti come il DJI Matrice 200 in uno strumento di biocontrollo. Utilizzando questo componente aggiuntivo, un drone della serie DJI Matrice può sollevare e trasportare dozzine di anelli diffusori di feromoni in un unico volo e lasciarli cadere uno dopo l’altro su alberi di noce, castagno, melo o pero.

come funziona Pherodrone

“La nostra sfida era costruire un componente aggiuntivo in grado di trasportare il maggior numero possibile di erogatori di feromoni con il minimo ingombro e peso”, sottolinea Boudon.

Pherodrone è stato originariamente lanciato come progetto studentesco presso la scuola di ingegneria Centrale Lyon nel 2017, ma da allora ha ottenuto l’indipendenza.

Pherodrone Blueprint

Il prototipo è stato costruito utilizzando aste in alluminio e parti in plastica stampate in 3D. Questo per garantire che il peso a pieno carico non superi 1,5 kg quando fino a 70 anelli di erogazione di feromoni sono impilati sulla staffa. Boudon sostiene che il sistema può coprire 150 alberi all’ora, o approssimativamente da 1 a 2 ettari di terreno agricolo all’ora. La stima dipende da variazioni di altezza degli alberi e altre condizioni in loco.

“Abbiamo incontrato parecchi lavoratori agricoli che utilizzano da anni tecniche di interruzione dell’accoppiamento e sono pronti ad abbandonare i metodi standard, lunghi e laboriosi a favore della soluzione Pherodrone. Anche coloro che non hanno ancora utilizzato l’interruzione dell’accoppiamento hanno espresso interesse per questa soluzione efficiente ma non ancora così diffusa”, afferma Boudon. “L’irrorazione delle colture rimane vietata in Francia, quindi abbiamo trovato un’alternativa che potrebbe essere legalmente implementata con un drone”.

Con la sua startup, Boudon e i suoi due colleghi co-fondatori si aspettano che Agri.Builders riceva richieste su larga scala per la silvicoltura già nel 2022.

Allo stesso tempo, gli studenti di ingegneria della Centrale Lyon stanno lavorando a un’altra innovazione di biocontrollo, dispensare pupe di vespa trichogramma per controllare la popolazione di falena piralide nei campi di grano.

Lascia un commento