DJI gradisce il rapporto FAA per identificare i droni in volo

FAA_droni_identificazione

DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e della tecnologia per le riprese aeree, dà il benvenuto oggi alla pubblicazione di un rapporto della commissione della Federal Aviation Administration (FAA) sulla tecnologia per identificare i droni in volo, aprendo la strada all’utilizzo dei droni in nuovi modi vantaggiosi. Il rapporto raccomanda che i droni trasmettano informazioni identificative ai ricevitori locali, che è la tecnologia della “targa elettronica” nel nuovo sistema AeroScope di DJI per l’identificazione dei droni in volo. Questo impone il minor numero di oneri ai proprietari di droni e piloti, mentre aumenta la protezione per la loro privacy.

L’Aviation Rulemaking Committee (ARC) della FAA per l’identificazione e il monitoraggio a distanza dei droni, noto anche come sistemi aerei senza pilota (UAS), ha raccomandato l’adozione obbligatoria di un meccanismo di trasmissione locale per fornire alle persone vicino al drone informazioni importanti, piuttosto che un sistema di rete basato su Internet che richiederebbe la trasmissione automatica di tutti i voli dei droni in una posizione centrale e archiviati in un database governativo.

DJI ha rilasciato separatamente un documento di discussione sulle conclusioni chiave, le raccomandazioni e l’osservazione nel Rapporto ARC, disponibile qui. (https://www.dropbox.com/s/brcukg8t4j0agic/DJI%20Remote%20ID%20Discussion%20Paper.pdf?dl=0)

I governi di tutto il mondo stanno prendendo in considerazione proposte per richiedere che la maggior parte dei droni sia equipaggiata con capacità di identificazione remota, coerenti con i quadri giuridici e le aspettative in ogni paese. I piloti di drone dovrebbero capire in che modo sarebbero interessati dai costi e dagli oneri delle diverse proposte per soddisfare questi requisiti futuri. Mentre un sistema in rete probabilmente costringerebbe i piloti di droni a pagare il servizio dati wireless su ogni drone, un meccanismo di trasmissione locale impone il minor costo ai produttori e nessun costo per gli utenti di droni.

“Proprietari e operatori hanno motivi legittimi per mantenere privati ​​i luoghi, le date e le ore dei loro voli UAS anche se tali dati non sono direttamente associati a [informazioni identificative personali]”, afferma il rapporto. “La privacy di tutte le persone (inclusi operatori e clienti) dovrebbe essere considerata, e la privacy dovrebbe essere una considerazione durante il regolamento per l’identificazione e il monitoraggio a distanza.”

Il rapporto stabilisce un percorso per una tecnologia di identificazione remota per soddisfare le esigenze di applicazione della legge e di sicurezza nazionale, rispettando nel contempo i diritti dei piloti di droni e proteggendo i loro dati di volo. Dimostrando che le autorità possono gestire le loro preoccupazioni sulla sicurezza e la sicurezza dei droni, il rapporto ARC aiuterà la FAA ad andare avanti con usi professionali di droni di vasta portata, come volare direttamente sopra persone non protette o oltre la visuale visiva.

La tecnologia di identificazione remota consentirà inoltre alle autorità di applicare le leggi esistenti nei rari casi in cui qualcuno è accusato di fare qualcosa di illegale con un drone. Fornire un meccanismo di applicazione contro comportamenti chiaramente illegali contribuirà a migliorare l’accettazione sociale dei droni, senza richiedere nuove leggi mirate rigorosamente alle operazioni dei droni.

Il rapporto ARC raccomanda che i droni inviino continuamente un identificatore univoco e informazioni sulla loro posizione, che le autorità possono correlare con le informazioni sui proprietari di droni e piloti, se necessario. L’ARC è stata istituita a maggio per consigliare modi per identificare remotamente i droni in volo, in modo che le forze dell’ordine, la sicurezza interna e i funzionari dell’aeroporto possano monitorare i voli dei droni in aree in cui possono rappresentare un rischio per la sicurezza. DJI è stato una delle 74 organizzazioni rappresentate nel comitato.

DJI ha notato a marzo che un sistema di trasmissione diretta è molto più facile da implementare, impone pochi oneri agli operatori di droni e non costringe ogni pilota di droni negli Stati Uniti a segnalare centralmente ogni volo di drone a un database governativo. A ottobre, DJI ha presentato il suo sistema AeroScope, che trasmette informazioni sulla posizione e sull’identificazione utilizzando il collegamento radio esistente del comando e controllo del drone a qualsiasi ricevitore entro un raggio di 5 km.

“DJI supporta molte delle conclusioni contenute nel rapporto ARC, comprendendo che il suo scopo limitato era quello di descrivere le esigenze delle agenzie di sicurezza e di polizia e raccomandare le tecnologie in grado di soddisfare tali esigenze”, ha dichiarato Brendan Schulman, Vice Presidente DJI per la Politica e Affari legali, che ha rappresentato DJI con ARC. “C’è ancora una discussione importante su come bilanciare i bisogni e i desideri del governo con gli oneri, i costi e le invasioni sulla privacy che potrebbero essere affrontati dai piloti di droni a seconda delle tecnologie effettive prescelte e del modo in cui vengono attuate. I piloti e gli operatori di drone non erano ben rappresentati in termini di numero di membri in ARC e riteniamo che i loro interessi saranno espressi nel futuro processo normativo che ci attende”.

Leave a Reply