L’evoluzione della tecnologia UAV nell’azienda agricola e in campo

Nel 2013, “Selfie” è stata la parola più recente del dizionario di Oxford, il papa aveva appena aggiunto un account su Twitter per la prima volta, e DroneDeploy è stata appena avviata come startup. Per la maggior parte, la conoscenza del pubblico dei droni commerciali inizia e termina con i sogni di Jeff Bezos della consegna dei pacchetti tramite UAV. Per quanto riguarda i droni nell’agricoltura? A questo punto, la maggior parte degli agricoltori avrebbe dichiarato che non sono utilizzabili. Ma tutto questo stava per cambiare.

In avanti verso l’agosto 2017, oggi l’agricoltura è uno dei mercati in più rapida crescita per l’industria dei droni commerciali. Migliaia di utenti di DroneDeploy creano regolarmente mappe e modelli con droni. In poco meno di cinque anni, i droni sono diventati da un giocattolo ad uno strumento essenziale per qualsiasi professionista in agricoltura. Allora come siamo arrivati ​​qui? E cosa possiamo aspettarci dai droni in agricoltura nei prossimi cinque anni?

Leggere per conoscere l’evoluzione dei droni nell’agricoltura e sentire cosa ci si può aspettare da UAV nei mesi e negli anni a venire.

droni_dji_agricoltura

I primi giorni dei droni in agricoltura: contrassegnati da prezzi elevati e usabilità ridotta

Le sfide precoci dei droni nell’agricoltura possono essere ridotte a due cose: costo e usabilità. Per cominciare, cinque anni fa un drone ad ala fissa con una telecamera ad alta definizione, in grado di volare distanze di medio raggio, costava da 10 a 30 mila dollari. L’hardware per computer e il software richiesto per elaborare mappe con drone costavano diverse migliaia. Per tutte, tranne una manciata di grandi aziende e cooperative agricole, questi costi erano un duro colpo, specialmente per una tecnologia che aveva fatto poco per dimostrare il suo valore per l’agricoltore medio.

Ma a parte le barriere di costo evidenti, perché la tecnologia del drone non aveva dimostrato il suo valore all’industria agricola nel 2013? Per cominciare, soluzioni di mappatura facile da usare come DroneDeploy non erano ancora sul mercato, quindi un agricoltore doveva possedere una grande quantità di conoscenze tecniche solo per elaborare una mappa dei suoi campi. Tutto ciò doveva essere fatto localmente, in contrasto con il cloud, il che richiedeva un potente PC desktop, e ci volevano due giorni per elaborare una mappa. Quando si tratta di una malattia che sta uccidendo i tuoi raccolti, due giorni potrebbero essere anche una vita.

Per quei pochi audaci che si sono spinti a creare mappe con drone dei loro campi, i dati risultanti non erano tanto utili quanto quelli che inizialmente speravano fossero stati, agli coltivatori erano state promesse grandi cose. Per essere onesti, questo non era per mancanza di tentativi da parte dell’industria del drone commerciale. Ma per tutti gli intenti e le finalità, la tecnologia del drone era nella sua infanzia.

Cinque anni fa erano già disponibili sensori ad alta risoluzione come Tetracam, capaci di catturare dati di qualità. Ma l’industria stava appena cominciando a capire cosa fare con tutti questi dati. In breve, l’industria UAV aveva bisogno di capire come realizzare una mappa di 160 ettari di un campo di grano e renderla utile ad un contadino in piedi al limite di quel campo e preoccupato per il prossimo raccolto.

droni_dji_agricoltura

Droni oggi: Cloud Computing e Advanced Analytics apportano valore reale ai coltivatori e agronomi

Negli ultimi anni, i progressi tecnologici hanno reso il prezzo dell’hardware dei droni più accessibile al professionista agricolo medio. I quadricotteri sono più facili da produrre, i motori sono più efficienti e la durata della batteria è aumentata. Con DJI che conduce la strada, un agricoltore può acquistare un drone di mappatura con un costo tra uno e tre mila dollari, abbassando la barriera di ingresso e rendendo il rischio di investire in droni molto più appetitoso.

Una volta che un agricoltore fa il grande passo e acquista un drone, il processo di mappatura è molto più facile da usare di quanto lo fosse una volta. Per cominciare, le velocità domestiche di internet sono aumentate considerevolmente, rendendo possibile a gran parte del mondo dei computer di muoversi verso il cloud. La mappatura con droni non è un’eccezione. Ora, invece di raccogliere dati, tornando a un computer desktop e attraversando il faticoso processo di elaborazione di una mappa localmente, un agricoltore può prendere il suo tablet o smartphone, volare 160 acri con una sola batteria e caricare le immagini nel cloud per la elaborazione una volta che atterra. Le mappe di aziende di software come DroneDeploy fanno il resto e un agricoltore non ha bisogno di avere alcuna conoscenza tecnica sulla fotogrammetria per farlo accadere.

Adesso abbiamo anche un’idea molto migliore su cosa fare con tutti questi dati dai droni. Anche se abbiamo ancora molto da imparare, aziende come Agremo, Aglytix e Skymatics hanno sviluppato soluzioni che contano le piante, analizzano i filari e calcolano i danni delle colture. I giocatori importanti come John Deere, Case IH-New Holland (CNH) e Climate Precision hanno cominciato a riconoscere il valore che questo livello di analisi apporta al mondo dell’agricoltura e hanno lanciato i cappelli nel ring per creare soluzioni di campo per il DroneDeploy App Marketplace.

Gli utenti di DroneDeploy hanno raggiunto di recente la pietra miliare di 10 milioni di acri mappati utilizzando il relativo software. La grande base di utenti nel campo dell’agricoltura costringe costantemente a migliorare e perfezionare il software e l’analisi. Alcuni dei più recenti progressi relativi all’agricoltura sono:

Miglioramento delle elaborazioni delle immagini che rimuove il 90% dei buchi nelle mappe di colture di fine stagione.

Compatibilità con Sentera e SLANTRANGE, avanzati sensori a raggi infrarossi e multispettrali studiati appositamente per l’agricoltura.

Scanner per campi: Crea mappe in tempo reale e utilizza i dati del drone per agire rapidamente contro le minacce al raccolto prima che il drone atterri.

Come industria, lo sviluppo è stato elevato negli ultimi cinque anni. Ma nessuno negherà che c’è ancora tanto da imparare sui droni e sulle loro possibilità per il mondo dell’agricoltura. Quindi la vera domanda è: dove andiamo da qui?

droni_dji_agricoltura

Guardare in avanti: il futuro della tecnologia UAV in agricoltura

C’è un motivo per cui DroneDeploy è facile da usare, conveniente e compatibile su tutti i dispositivi. Gli utenti sono in grado di raccogliere più dati possibili. Mentre guardiamo avanti verso i prossimi cinque anni, è tempo di flettere il muscolo della computer vision e dell’apprendimento delle macchine, e mettere questi dati a disposizione per il migliore utilizzo.

“Stiamo solo vedendo l’inizio di ciò che è possibile con i droni. Nel prossimo futuro, mi aspetto che i droni siano presenti in quasi tutte le industrie, operando autonomamente sui programmi per produrre dati estremamente accurati in tempo reale “- Mike Winn, CEO e co-fondatore di DroneDeploy

DroneDeploy, come industria, sta lavorando sodo per comprendere meglio il telerilevamento e come fare per integrare completamente l’analisi dell’apprendimento macchina con i dati dei droni per fornire intuizioni significative per gli agricoltori. Vedremo senza dubbio avanzamenti nella tecnologia del sensore e nuove informazioni sulle firme delle erbacce che ci permettano di analizzare meglio i raccolti e differenziare tipi specifici di erbacce e parassiti.

Guardando un po’ più avanti, ci aspettiamo che la tecnologia Internet of Things (IoT) cominci a fare parte del mondo degli UAV. Nei prossimi cinque o dieci anni speriamo che la tecnologia del drone possa identificare specifici tipi di stress alle colture, completi calcoli finanziari sulla fattibilità del trattamento e quindi inviare tali dati direttamente alle attrezzature del campo.

Suona come fantascienza? Noi non lo pensiamo. Dopo tutto, CNH ha recentemente rilasciato un trattore completamente autonomo che consente agli agricoltori di essere molto più efficienti, solo direttamente coinvolti nel dispiegamento della macchina. In futuro, speriamo che il lavoro umano sia tolto dall’equazione per i droni nello stesso modo. Le implementazioni autonome e programmate con voli oltre la linea di visuale sono tutte nel campo delle possibilità. Può suonare come un esagerazione ora, ma possiamo immaginare un giorno in cui possedere un drone in azienda non sarà più all’avanguardia rispetto a possedere un trattore o una mietitrebbia. Se i dati dei droni aiutano i coltivatori e gli agronomi ad acquisire migliori conoscenze, prendere decisioni più informate e ridurre le perdite sul campo, la vera domanda è: perché no?

Lascia un commento