Droni DJI Enterprise nel settore sicurezza: Recensione 2019

dji_enterprise_drone

Mentre chiudiamo il 2019 e guardiamo al 2020, è un momento naturale per riflettere. E in tutto il mondo, i droni Enterprise hanno continuato a crescere con nuovi scenari di casi d’uso, maggiore adozione e continui progressi tecnologici.

In generale, questi settori comprendono i settori della pubblica sicurezza, dell’energia e dei servizi di pubblica utilità, della mappatura e del rilievo, dell’agricoltura e del lavoro umanitario/scientifico, sebbene vi sia spesso un crossover.

Il 2019 è stato anche, senza dubbio, un anno in cui i droni erano costantemente nelle notizie – e per ottime ragioni. A Parigi, i prodotti DJI hanno aiutato i vigili del fuoco ad acquisire consapevolezza critica della situazione durante il devastante incendio della Cattedrale di Notre Dame. In Tanzania, un drone DJI Agras MG-1S modificato, originariamente costruito per irrorare fertilizzanti, erbicidi e pesticidi, è stato utilizzato per spruzzare un composto per neutralizzare le larve di zanzara, contribuendo a proteggere la comunità locale dal rischio di malaria.

Giornalmente, le operazioni di ricerca e salvataggio (SAR) localizzano rapidamente le persone perse e riducono al minimo il tempo in cui i primi soccorritori vengono messi in pericolo – con oltre 325 salvataggi supportati dai droni fino ad oggi. Small Unmanned Aerial Systems (sUAS) sono gli strumenti di scelta per una rapida consapevolezza situazionale a seguito di catastrofi naturali. Gli agricoltori, le compagnie assicurative e persino le imprese di costruzione fanno affidamento sui droni per acquisire dati utili e fruibili in modo più efficiente e sicuro rispetto alle tecniche tradizionali.

A dicembre, la rivista TIME ha nominato le sue scelte per le prime 10 invenzioni dell’ultimo decennio. L’originale Phantom di DJI, rilasciato nel 2013, era nella lista. Romeo Durscher, Senior Director of Public Safety Integration di DJI, ha assistito a tutto ciò e su scala globale. E soprattutto un settore ha continuato a dominare:

“Il settore della pubblica sicurezza è il più grande dal lato Enterprise”, afferma. “(Perché) Questo è uno strumento che può fornire informazioni immediate e poi, aiutare a salvare vite umane.”

PROSPETTIVE SULLA PUBBLICA SICUREZZA: 2020

Negli ultimi anni, Durscher ha visto un enorme picco nell’uso di droni da parte delle forze dell’ordine, vigili del fuoco, unità di ricerca e salvataggio – e altri che rientrano ampiamente nella categoria “First Responder”. Laddove i droni erano un’eccezione in questi reparti, ora sono la regola”. Abbiamo sentito dichiarazioni all’interno della pubblica sicurezza che dicono “Sei negligente se non hai un programma di droni!”, Dice Durscher.

Per i professionisti della pubblica sicurezza, è difficile immaginare uno strumento più utile. Possono documentare la scena di un grave incidente automobilistico con una risoluzione e dettagli maggiori, in meno tempo e con maggiore sicurezza, rispetto a qualsiasi altro strumento. A seguito di un grave disastro, centinaia – persino migliaia – di immagini possono essere unite in modo fluido per la consapevolezza della situazione, il lavoro forense e persino semplicemente per aiutare i soccorritori a scegliere le strade migliori per le forniture di emergenza o la riparazione delle infrastrutture.

Sebbene i droni che forniscono medicinali e altri beni critici (un drone ha persino trasportato un organo umano per il trapianto nel 2019) spesso attirano l’attenzione, questa non è una funzione chiave nell’ambito della pubblica sicurezza.

“Un drone è principalmente un dispositivo di raccolta dati”, afferma Durscher. “Sì, ci sono consegne, ma l’uso principale è la raccolta dei dati. “

E man mano che vengono sviluppati più sensori, emergono più scenari di casi d’uso. Qui, Durscher riflette sul significato della versione 2015 della termocamera DJI Zenmuse XT, alimentata dalle tecnologie FLIR. Quel prodotto, quel sensore, è stato immediatamente utilizzato nel settore della pubblica sicurezza. L’imaging termico ha portato al salvataggio di successo di centinaia di persone in tutto il mondo e ha fornito a molti vigili del fuoco dati critici tramite mappe termiche in tempo reale.

dji mavic 2 enterprise dual
DJI Mavic 2 Enterprise Dual consente ai piloti di visualizzare istantaneamente immagini visive e termiche, permettendo ai vigili del fuoco di determinare facilmente il percorso migliore per attaccare l’incendio

Guardando al 2020, Durscher ritiene che vedremo volare droni con più di un payload.

“Se riusciamo a raccogliere più punti dati, possiamo prendere decisioni migliori senza mettere in pericolo le persone …”

“Prevedo che in futuro avremo carichi utili multi-sensore”.

È anche probabile, secondo l’Istituto Nazionale di Scienza e Tecnologia, che possiamo vedere l’uso di sciami di droni per raccogliere più rapidamente e accuratamente i dati a seguito di un disastro.

ALTRI CASI DI UTILIZZO

Mentre nuovi sensori, software e altri progressi tecnologici spingeranno l’ago nel 2020, abbiamo anche constatato che molti nel settore della pubblica sicurezza continuano a pensare a nuovi modi di utilizzare la tecnologia esistente. Si potrebbe descrivere questa area come “scenari di casi d’uso estesi”.

Esempio?

A dicembre, dopo l’eruzione di un vulcano sull’isola bianca della Nuova Zelanda che alla fine ha ucciso 19 persone, i droni sono stati utilizzati per cercare alcuni degli otto defunti che sono rimasti sull’isola. In questo caso, il vulcano era ancora molto attivo – e un primo soccorritore avrebbe avuto un grande rischio se fosse stato spedito sul posto.

Questa è una parte fondamentale dell’equazione: l’uso di sUAS non solo fornisce dati attuabili, ma minimizza anche i rischi che devono affrontare i primi soccorritori. Se utilizzato da polizia, vigili del fuoco e nelle ricerche, da paramedici o altri nel regno della pubblica sicurezza – questo settore enterprise ha visto una crescita immensa ed è pronta per ancora di più man mano che l’adozione continua a diffondersi in regni specializzati all’interno del mondo dei First Responder.

Di recente, Durscher ha lavorato ad una esercitazione degli SWAT con 17 diversi team. Una parte di quell’esercizio riguardava l’uso di un drone per la consapevolezza situazionale e prendere decisioni basate su tali dati. Vedere un sospetto dall’alto offre alcuni vantaggi che questi team semplicemente non potrebbero avere con altri mezzi.

“Avevano un operatore di droni, e quindi il comandante SWAT è stato in grado di vedere la visuale dai droni dal vivo e di dirigere l’operatore di droni nello spazio 3D – verso qualunque luogo ritenga migliore – sulla base di quella vista aerea.

“Ciò che è stato così affascinante è che tutti hanno dovuto affrontare questo processo per ottenere un senso di ciò che stanno vedendo, averne un senso e trasmetterlo alla loro squadra sul campo.”

La maggior parte di questi ufficiali non aveva mai lavorato con un drone.

“Dopo un solo esercizio”, afferma Durscher, “la maggior parte se non tutti hanno realizzato i vantaggi di questa tecnologia proprio lì e subito.”

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se disabiliti i cookie alcune funzionalità non saranno disponibili.