DJI, EENA e Black Channel pubblicano un nuovo report sull’efficacia dei droni

dji_droni_salvataggio

I droni professionali DJI aiutano le squadre di ricerca e soccorso a trovare le vittime più velocemente, nuovi studi lo dimostrano.

Le squadre di ricerca e soccorso hanno trovato vittime simulate più velocemente quando hanno usato i droni professionali DJI come aiuto, da un nuovo studio recentemente pubblicato. Lo studio conclude che i droni DJI offrono un potenziale enorme per aiutare gli sforzi di ricerca e soccorso (SAR), e le squadre di soccorso devono sviluppare nuovi standard, tattiche e protocolli per sfruttare appieno la prospettiva aerea dei droni.

Questi risultati chiave facevano parte del Drone Efficacy Study, un rapporto pubblicato recentemente da DJI, European Emergency Number Association (EENA) e Black Channel. Lo studio è stato rilasciato al Summit Drones & Public Safety di EENA a Bruxelles.

“Il potenziale per i droni di salvare vite è chiaro: almeno 160 persone sono state salvate dai droni di tutto il mondo, ma la scienza su come utilizzare al meglio i droni per la sicurezza pubblica è ancora agli inizi”, ha detto il coautore dello studio Romeo Durscher , DJI Director of Public Safety Integration. “A differenza della SAR a terra, che ha perfezionato i suoi metodi per decenni, non esiste un manuale per il drone SAR. Siamo entusiasti di essere tra i primi gruppi di ricercatori a iniziare a scrivere quel prontuario, affinché il nostro lavoro possa aiutare a salvare più vite.”

Lo studio

Lo studio ha inviato squadre di ricercatori selezionati casualmente per trovare vittime simulate in campi rocciosi e bordi di scogliere in Irlanda e Galles. Trenta team hanno utilizzato droni standard con videocamere visive standard, mentre altri 20 team hanno cercato a piedi utilizzando protocolli tradizionali. Diciassette team di ricerca a terra hanno trovato le loro vittime, rispetto ai 23 team con i droni, che indicano che i protocolli e le procedure SAR con drone non sono avanzati abbastanza per massimizzare i benefici della tecnologia. Tuttavia, i ricercatori con i droni hanno trovato le loro vittime in media 191 secondi più velocemente, ovvero più di tre minuti.

“I ricercatori dello studio hanno detto che trovare una vittima con un drone è stato più difficile di quanto si aspettassero, il che dimostra perché è vitale per la comunità SAR sviluppare i migliori standard su come utilizzare i droni”, ha detto Alfonso Zamarro, EENA Drones Activity Manager. “Quali modelli di droni dovrebbero essere utilizzati? Quale altitudine offre la migliore copertura? Quali sensori sono i migliori per individuare le persone scomparse? Quali aree sono meglio ricercate dalle forze di terra e quali dai droni? Rispondere a queste domande non sarà facile, ma avrà un forte impatto. ”

“Quattro anni fa, la tecnologia dei droni era ancora così primitiva da mostrare scarso valore nei primi studi. Oggi, anche i droni disponibili in commercio sono abbastanza potenti da aiutare gli equipaggi SAR a trovare le vittime più velocemente delle tradizionali strategie di ricerca”, ha affermato Gloria Crispino, CEO di Black Channel. “Abbiamo bisogno di studiare in modo rigoroso come le agenzie di sicurezza pubblica possano implementare al meglio i loro droni in collaborazione con il personale di terra, e come garantire che comunichino le loro scoperte per aiutare ogni ricerca a una conclusione rapida, sicura e di successo”.

Lo studio giunge due anni dopo che DJI, EENA e Black Channel hanno collaborato alla ricerca in Irlanda e nelle Dolomiti in Italia, dimostrando che un drone adeguatamente equipaggiato potrebbe trovare vittime più velocemente dei ricercatori umani e intraprendere ulteriori passi attivi per ottenere un salvataggio di successo.

A proposito di DJI

DJI è un leader globale nello sviluppo e nella produzione di droni civili e tecnologia di imaging aerea per uso personale e professionale. DJI è stata fondata ed è gestita da persone con la passione per elicotteri radiocomandati ed esperti in tecnologia di controllo del volo e stabilizzazione della telecamera. La società si dedica a rendere le attrezzature e le piattaforme per la fotografia aerea e il cinema più accessibili, affidabili e facili da usare per i creatori e gli innovatori di tutto il mondo. Le operazioni globali di DJI coprono attualmente le Americhe, l’Europa e l’Asia, e i suoi prodotti e soluzioni rivoluzionari sono stati scelti dai clienti in oltre 100 paesi per applicazioni nel cinema, nella costruzione, nell’ispezione, nella risposta alle emergenze, nell’agricoltura, nella conservazione e in molte altre industrie.

A proposito di EENA

L’Associazione europea dei numeri di emergenza (EENA) è una ONG con sede a Bruxelles e fondata nel 1999. La sua principale missione strategica è migliorare le risposte fornite dai servizi di emergenza a nome dei cittadini, soprattutto quando viene utilizzato il numero di emergenza paneuropeo (112). In quanto organizzazione non governativa, EENA è un’organizzazione indipendente e imparziale e non cerca di rappresentare gli interessi di alcuna organizzazione, tecnologia o prodotto.

Tatticamente, questo si manifesta con la creazione di diverse piattaforme di engagement (conferenze, workshop, gruppi di lavoro, incontri web) per portare l’offerta (venditori, produttori, integratori) e il lato della domanda (FR, ESO, Ministeri, Regolatori ecc.) al fine di discutere questioni legali, tecniche e operative in uno stile di leadership e impatto. EENA ha c1300 ESO da 80 paesi nella sua rete, mentre 90 produttori costituiscono l’equazione dal lato dell’offerta.

Informazioni su Black Channel

Black Channel è una società di ricerca irlandese specializzata nell’applicazione di statistiche estreme: l’uso di progetti di studio allo stato dell’arte condotti in località remote e stimolanti. Black Channel attinge alla ricerca clinica sul campo per progettare e implementare valutazioni delle tecnologie di pubblica sicurezza per fornire prove a sostegno della transizione di nuove tecnologie nella missione di primo soccorritore. Black Channel ha condotto statistiche estreme a sostegno della prima missione di soccorritori dal 2014 e ha condotto valutazioni sul valore dei droni per la ricerca e il salvataggio in località remote, scogliere, montagne e ghiacciai in Irlanda, Italia e Galles. I progetti di studio del Canale Nero hanno lo scopo di produrre risultati di livello normativo.

Leave a Reply