DJI migliora la flessibilità di Geofencing per gli utenti Enterprise

dji_geofencing

DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e della tecnologia delle riprese aeree, sta rafforzando il proprio impegno nei confronti degli utenti di droni aziendali con nuovi miglioramenti al proprio sistema di geofencing. I piloti di droni professionali con l’autorizzazione a volare in località sensibili possono ora utilizzare un processo di applicazione semplificato per ricevere i codici di sblocco entro 30 minuti.

Il sistema di geofencing di DJI utilizza il GPS e altri segnali satellitari di navigazione per aiutare ad impedire automaticamente ai droni di volare vicino a luoghi sensibili come aeroporti, centrali nucleari e prigioni. Questi miglioramenti sono attentamente progettati per aiutare ad espandere gli usi benefici dei droni in aree sensibili che sono state limitate nel sistema di geofencing di DJI. Mentre quelle aree rimarranno limitate a piloti di droni non professionali, DJI ora impiega il proprio team di autorizzazione globale 24 ore su 24 per elaborare applicazioni e fornire rapidamente codici di sblocco.

“DJI ora elabora la maggior parte delle richieste entro 30 minuti, anche se le richieste che rientrano in circostanze inusuali o richiedono documentazione aggiuntiva possono richiedere ulteriore tempo”, ha dichiarato Michael Perry, Managing Director del Nord America presso DJI. “Facilitando ai piloti autorizzati la possibilità di far funzionare i droni in aree sensibili, DJI sta dimostrando ancora una volta perché i professionisti dei droni scelgono le nostre piattaforme aeree per le attività più importanti.”

I piloti di droni professionisti possono richiedere lo sblocco di zone vietate sul sito web www.dji.com/flysafe/custom-unlock. Questa pagina del portale consente ai piloti di inserire facilmente informazioni sul loro drone e controller, nonché documenti di autorizzazione forniti dalle autorità di controllo nelle aree in cui desiderano volare. Gli utenti aziendali possono per la prima volta includere più droni in una singola richiesta di sblocco. Per ulteriori informazioni su come le aziende stanno utilizzando i prodotti DJI per lavorare in modo più sicuro, più rapido ed efficiente, visitare il nostro sito eliteconsulting.it.

“DJI ha implementato per la prima volta il geofencing nel 2013 ed è ora diventato uno strumento importante per aiutare i nostri clienti a prendere decisioni di volo ponderate, affrontando anche preoccupazioni legittime in merito alla sicurezza, aiutando a prevenire voli non autorizzati nelle località più sensibili”, ha dichiarato Brendan Schulman , Vice President of Policy & Legal Affairs presso DJI. “Questi miglioramenti illustrano l’impegno costante di DJI come leader del settore a migliorare continuamente le funzionalità di sicurezza che abbiamo implementato anni fa, consentendo allo stesso tempo applicazioni vantaggiose per la nostra tecnologia”.

Leave a Reply