DroneBase raccoglie 12 milioni di dollari nel finanziamento fase B

pilota_drone_dji

Se hai acquistato un drone professionale nell’ultimo anno o due, c’è un’alta probabilità che emerga dal tuo armadio di gadget solo alcune volte all’anno, se non per nulla del tutto. Questo probabilmente non ti lascia troppo a tuo agio con il tuo acquisto, ma lascia anche un costoso equipaggiamento professionale dormiente che molte persone potrebbero usare.

DroneBase è una startup che connette gli utenti di droni professionali con missioni commerciali in modo che possano impedire alla polvere di depositarsi sui loro droni funzionanti mentre allo stesso tempo affina le loro capacità e viene pagato nel processo. Le persone o le imprese che sono interessate a ottenere filmati con drone di una proprietà per, ad esempio, immobili o assicurazioni, possono utilizzare la startup per connettersi con un pilota drone DJI con le competenze e le attrezzature necessarie per ottenere i video o le immagini di cui hanno bisogno.

La startup con sede a Los Angeles ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento di fase B da 12 milioni di dollari co-guidato da Upfront Ventures e Union Square Ventures. Anche DJI, Hearst Ventures e Pritzker Group hanno partecipato al round.

“Questo round segna il terzo investimento di DJI in DroneBase attraverso SkyFund, che dimostra la nostra fiducia nel loro continuo successo in un settore che, pur crescendo ad un ritmo rapido, è solo all’inizio di realizzare il suo pieno potenziale”, ha detto Jan Gasparic in una dichiarazione.

Oltre ad annunciare il loro ultimo round di finanziamento, DroneBase sta anche sfoggiando un nuovo strumento aziendale di realtà aumentata che l’azienda spera di offrire agli utenti professionali una visione a vista d’uccello dei modelli 3D. AirCraft Pro è nelle sue prime fasi in cui gli utenti sono in grado di rilasciare blocchi in scala nel mondo aumentato mentre volano con il loro drone in giro.

In questo momento è un po’ un ambiente di gioco, ma l’azienda spera di utilizzare la tecnologia per rendere le importazioni di modelli CAD realistici in video snap drone live nelle loro future location del mondo reale.

aircraft_cad_model_screen_preview

“Purtroppo non c’è ARKit per droni, quindi abbiamo dovuto creare una tecnologia decentemente sofisticata”, ha dichiarato a TechCrunch il co-fondatore e CEO di DroneBase Dan Burton. “È molto importante sincronizzare i dati di telemetria con i dati video con dati geospaziali”.

Il servizio di pilotaggio dei droni per i possessori di droni professionali DJI, come per esempio un DJI Matrice 200 o DJI Inspire 2, è stato in precedenza disponibile solo per i dispositivi iOS, ma la società sta ora annunciando che l’app è arrivata nel Google Play Store per gli utenti Android. La compagnia ha decine di migliaia di piloti di droni DJI che usano la loro app, che hanno effettuato oltre 100.000 missioni di droni commerciali in oltre 60 paesi.

Leave a Reply