Il potente drone industriale DJI visto da vicino

dji_matrice_200

I droni stanno diventando un grande business. DJI, una società che ha costruito droni per piloti principianti (Mavic Pro), professionisti (la linea Phantom) e professionisti della fotografia e della cinematografia (Inspire), spera di iniziare la rivoluzione dei droni-in-business con il suo primo drone di classe industriale, l’M200.

E’ stato da subito chiaro che l’M200 è distante dai droni per consumatori e per principianti di DJI. Sì, è costruito attorno a parti simili a quelle che troverai in Inspire 2. Tuttavia, questo drone non vincerà nessun premio di design. E’ grande, più rozzo nei lineamenti e solo parzialmente pieghevole (è possibile rimuovere le gambe e piegare i bracci del rotore), nessuno dei quali è un problema per un drone progettato per servire le imprese al contrario dei consumatori.

dji_matrice_200_gps

“L’abbiamo progettato e realizzato sulla base del feedback dei clienti”, ha dichiarato Adam Lisberg, direttore della comunicazione di DJI.

I droni sono già in attività, ma non integrati nel flusso di lavoro. Di solito, qualcuno nell’ufficio, nell’azienda o nel dipartimento si rende conto che un drone potrebbe essere utile per un’attività e quindi l’impiegato hobbista si offre di intervenire e fa, per esempio, un’ispezione di un progetto di sorvolo.

Lisberg ha detto che, con M200, DJI spera di aiutare le aziende a rendere i droni parte del flusso di lavoro. Stanno anche sperando che le aziende possano fare sul serio trasformando determinate attività utilizzando i droni per motivi di efficienza e sicurezza. L’ispezione delle torri di trasmissione, ad esempio, richiede molto tempo alle persone: gli ispettori devono salire su una torre solo per guardare le antenne e il cablaggio e scoprire se gli uccelli stanno costruendo nidi tra le celle. Anche il lavoro è pericoloso. Un drone come l’M200 e i suoi fratelli, l’M210 e l’M210 RTK (nella foto), possono eseguire la stessa ispezione in pochi minuti mentre il pilota rimane al sicuro sul terreno.

I droni M200 aggiungono diverse funzionalità che attireranno i clienti aziendali di DJI oltre alle caratteristiche attese come sensori di prossimità nella parte anteriore, inferiore e anche nella parte superiore del drone e supporto per tutte le funzioni intelligenti dell’app DJI Go, tra cui Spotlight (bloccare la fotocamera su un soggetto), Punto di interesse (girare intorno al soggetto), Treppiede (navigazione sicura in ambienti ristretti) e ActiveTrack (segui e tieni la persona inquadrata).

Prima di tutto, ci sono alcune prove meteorologiche. L’M200 può gestire pioggia leggera e neve, ma probabilmente non una tempesta di pioggia. Anche così, quando l’M200 arriva in una missione di soccorso, non sarà portato a terra al primo segnale di pioggia.

M210 aggiunge un secondo gimbal in modo che i piloti possano avere due telecamere. Ad esempio, gli ispettori edili potrebbero desiderare un teleobiettivo accanto a un’immagine termica (in modo che possano vedere problemi strutturali visibili e nascosti come perdite di calore). Sul terreno, il pilota di droni può avere entrambe le telecamere sullo schermo, con una in una visualizzazione picture-in-picture. C’è anche una visuale in prima persona se vuoi che il pilota operi il drone mentre qualcun altro gestisce i feed delle altre due telecamere.

M210 sarà anche il primo drone di DJI con una fotocamera rivolta verso l’alto, che dovrebbe rivelarsi utile per esaminare la parte inferiore dei ponti. E’, tuttavia, un dispositivo separato da posizionare in cima alla sezione principale del drone. In questo modo si blocca il GPS interno del drone, motivo per cui la fotocamera sul lato superiore viene fornita con un proprio componente aggiuntivo GPS.

Il modello RTK aggiunge anche una coppia di sensori a cupola bianca che, secondo DJI, forniranno una precisione di posizionamento al centimetro.

Poiché DJI si aspetta che questi droni operino in ambienti a volte complessi in cui operano aerei di soccorso, elicotteri e persino aerei che fanno cadere l’acqua, i droni sono dotati di ricevitori ADS-B (Automatic Dependent Surveillance-Broadcast) che cattureranno qualsiasi comunicazione tra gli aerei standard e avvisano il pilota di droni, fondamentalmente, di allontanarsi da lì.

Questi sensori a cupola conferiscono al drone RTK M210 un elevato livello di accuratezza di posizionamento.

dji_matrice_210_rtk

Il drone ha un’autonomia di circa 4,2 miglia e può volare, con la batteria 174 Wh opzionale e più potente del sistema, fino a 38 minuti.

La serie M200 sarà anche compatibile con il kit di sviluppo software di DJI, che secondo Lisberg è un componente cruciale per l’applicazione aziendale. “I droni sono la prossima applicazione che genererà terabyte di dati”, ha detto. Avere software in grado di tenere traccia e analizzare i dati in arrivo è fondamentale per le aziende e i gruppi che cercano di assicurarsi che stiano utilizzando i propri droni in modo efficiente.

Ad esempio, in una ricerca e soccorso, vuoi sapere dove ha cercato il drone e dove non lo ha fatto. Ancora più importante, si desidera integrare le attività di ricerca e le scoperte del drone con altri sistemi sul terreno e nell’aria; tutto ciò che potrebbe essere possibile tramite lo sviluppo con il DJI SDK.

L’M200 può essere configurato con una serie di diverse fotocamere Zenmuse, tra cui il 20 MP Zenmuse X4S, il 20 MP e Micro Quattro-Terzi Zenmuse X5S e lo Zenmuse XT, una fotocamera per l’imaging termico in collaborazione con Flir.

Leave a Reply