Droni DJI per ricostruire le scene degli incidenti

dji_droni_enterprise

Siamo stati tutti lì, bloccati nel traffico, avanzando lentamente oltre la scena di un incidente automobilistico. I veicoli danneggiati sono sparsi ad angoli strani. Vetro rotto, specchietti retrovisori, pneumatici sgonfiati e altri detriti scaricati sulla carreggiata. I soccorritori e gli agenti di polizia stanno lentamente attraversando il relitto. Perché non possono semplicemente spingere tutte queste cose da parte e lasciarmi passare, ti chiedi.

Catturare una chiara immagine di una scena di incidente d’auto

Per le forze dell’ordine che lavorano sulla scena, c’è un difficile atto di equilibrio in gioco. Vogliono liberare la strada il più rapidamente possibile. Ogni minuto in cui un incidente rimane messo aggiunge inquinamento, traffico e un aumentato rischio di incidenti secondari. Tutto ciò contribuisce alla perdita di produttività e, per la polizia che lavora sulle strade, agli infortuni e alle vite perse. Ma prima che la pulizia possa davvero iniziare, gli investigatori devono catturare un’immagine chiara della scena, perché le auto e le macerie disseminate lungo la strada potrebbero essere la prova di un’indagine criminale.

C’era una volta la polizia camminava sulla scena con righelli e misure a nastro, segnando X e O su fogli di carta millimetrata. In seguito iniziarono a utilizzare Total Stations, uno scanner laser che proveniva dal mondo del rilievo e dell’edilizia. All’epoca era un passo in avanti rivoluzionario. Un processo che a volte richiedeva da sei a otto ore poteva essere portato a termine in tre o quattro.

Una nuova tecnologia per la ricostruzione del sito di incidenti automobilistici

Negli ultimi due anni, una nuova tecnologia ha avuto un impatto ancora più radicale sul lavoro di ricostruzione del sito: i droni. Aggiungendo telecamere aviotrasportate ai loro toolkit, la polizia è stata in grado di ridurre il tempo necessario per mappare un sito e raccogliere prove a 20 o 30 minuti. Inoltre, i dati che vanno raccogliendo sono migliori di quelli che sono stati in grado di raccogliere con metodi precedenti che hanno richiesto ore.

I dipartimenti di polizia negli Stati Uniti hanno adottato rapidamente la tecnologia dei droni e le nuove ricerche della Purdue University dimostrano quanto queste videocamere possano essere efficaci quando si tratta di ripulire le strade dopo un incidente automobilistico.

DJI Droni Enterprise
I dipartimenti di polizia degli Stati Uniti hanno adottato rapidamente la tecnologia dei droni DJI per risparmiare tempo e vite nella ricostruzione di scene di incidenti automobilistici.

Differenza tra vita e morte

Questa è una grande notizia per i pendolari che potrebbero altrimenti essere bloccati nel traffico. E per i primi soccorritori che lavorano in queste scene, può essere la differenza tra la vita e la morte. “La probabilità di un incidente secondario aumenta del 3% per ogni minuto in cui è in corso l’incidente primario”, ha detto Andrew Klane, un veterano del Massachusetts State Troopers e un pioniere nell’uso dei droni DJI per la ricostruzione di scene di scontri. “Gli incidenti stradali e gli incidentati continuano a essere una delle principali cause di infortuni e morti in servizio per forze dell’ordine, pompieri e personale di rimorchio e recupero.”

“Ogni quattro minuti di chiusura (stradale) ottieni un chilometro di traffico”, ha detto il capitano Robert Hainje del Tippecanoe County Sheriff’s Office in Indiana. “Quando abbiamo accodato il traffico sull’interstatale, aumentiamo il tasso di incidenti di circa un fattore di 24”, dice Darcy Bullock, professore di ingegneria civile presso la Purdue University che ha collaborato con la polizia sull’uso dei droni DJI per la ricostruzione di scene di scontri.

“La nostra procedura per la raccolta dei dati utilizzando un drone DJI può mappare una scena in 5-8 minuti, consentendo agli addetti alla sicurezza pubblica di aprire le strade molto più rapidamente dopo un incidente”, ha dichiarato Ayman Habib, Purdue Thomas A. Page Professor of Civil Engineering, che ha sviluppato una procedura fotogrammetrica che consente ai dati raccolti sulla scena di essere successivamente trasformati in modelli 3D. “Complessivamente, può ridurre del 60 percento i tempi morti per il flusso del traffico a seguito di un incidente”, ha detto il capitano Hainje, che ha sperimentato le tecniche sviluppate a Purdue.

DJI Droni Enterprise
Capitano Rob. Hainje e il capitano Terry Ruley della Tippecanoe County Sheriff’s Office testano la tecnologia dei droni DJI per l’uso nei siti di incidenti stradali. L’ufficio ha utilizzato la tecnologia per mappare le scene di incidenti automobilistici per 20 volte nel 2018. (John Bullock e Erin Easterling/Purdue University)

Il drone mantiene i lavoratori al sicuro

Riducendo il tempo necessario per valutare una scena di incidente aiuta a ridurre la congestione del traffico e mantenere i primi soccorritori al sicuro. Il drone DJI può anche mantenere questi lavoratori più sicuri riducendo la quantità di tempo di cui hanno bisogno per passare fisicamente sulla strada. I piloti di droni DJI possono mantenere una distanza di sicurezza dal passaggio delle auto mentre pilotano su un incidente.

“Il prossimo passo è ridimensionare questo”, afferma il prof. Bullock. “Spostare da due a tre agenzie nell’area facendo questo di routine a uno spiegamento più scalabile in tutto lo stato che viene utilizzato da tutti i primi soccorritori e dalla polizia di stato”. I dipartimenti di polizia dell’Oregon, del Massachusetts e di molti altri stati hanno iniziato a utilizzare i droni DJI per ricostruire la scena degli incidenti.

“È meglio, e ci vuole meno tempo, e questo è molto interessante per me, perché di solito qualcosa deve dare”, dice Klane. Era infastidito quando la gente gli chiedeva se il suo lavoro fosse qualcosa di simile a quello che vedevano in TV”. Guardi CSI e risolvono l’incidente d’auto in circa 12 secondi. Ero solito ridere”, disse Klane. Con l’avvento della tecnologia dei droni, tuttavia, quella fantasia si sta avvicinando alla realtà. “Ci stiamo arrivando. Sta iniziando ad accadere”.

Leave a Reply