Le notizie sui droni che inibiscono gli equipaggi antincendio sono ovunque. Mentre è vero che l’uso irresponsabile di UAV è un problema importante per i dipartimenti antincendio in tutto il mondo, l’uso responsabile di questa tecnologia può anche essere molto utile per gli sforzi di combattimento degli incendi.

L’uso del drone professionale da parte dei vigili del fuoco non è necessariamente nuovo. I dipartimenti dei vigili del fuoco di tutto il mondo hanno utilizzato la tecnologia del drone per aiutare a combattere gli incendi per diversi anni. La differenza ora è che la tecnologia sta avanzando in modo esponenziale e, come ogni tecnologia che avanza in modo significativo, sta diventando sempre più disponibile e più economica.

Il DJI Phantom 1 ha debuttato nel gennaio 2013, solo 4 anni fa. Confrontando quel drone con un qualsiasi drone di oggi, anche al prezzo più basso, non potrà uscirne vincitore. Le tecnologie del mercato al consumo hanno portato anche enormi cambiamenti nel mercato del drone per uso industriale, in particolare con aziende come DJI che si avvicinano ai velivoli industriali come i droni della serie Matrice.

Tra i miglioramenti nella tecnologia del drone è stata l’integrazione delle telecamere termiche. Il kit Nighthawk di DSLRPros è stato tra i primi per l’imaging termico da un drone. Questo è stato un kit basato sul Phantom 1, con diversi pezzi aggiuntivi necessari per ottenere una piattaforma utilizzabile. Ora sono disponibili diverse opzioni plug-and-play per l’imaging termico, che è prezioso per il personale antincendio.

Essere in grado di volare sopra la scena e di ottenere un’idea panoramica di ciò che sta accadendo consente ai comandanti dei vigili di distribuire i propri uomini in modo sicuro ed efficiente. Anche con equipaggi con telecamere ottiche è possibile valutare i danni ad un edificio, probabilmente le persone che si trovano intrappolate dentro, guardare il fuoco che si diffonde in altre aree, l’elenco continua. Tutto prima di rischiare la vita di non solo i vigili del fuoco, ma anche delle persone che potrebbero essere intrappolate dentro.

Con l’imaging termico aggiunto al mix, gli equipaggi possono vedere attraverso strati di fumo un edificio che si sta incendiando e regolare lo spruzzo d’acqua per sottomettere più efficacemente le fiamme. Può anche individuare spot caldi sui tetti per un avviso anticipato su possibili crolli e altre preoccupazioni di integrità strutturale.

“Il drone dotato di telecamere ad alta definizione e infrarossi è stato lanciato per sorvolare sulle fiamme di un incendio nel Bronx per tenere d’occhio il tetto di un edificio residenziale che i pompieri temevano potesse crollare. Due pompieri hanno subito ferite minori nel fuoco.

“Il tetto ha cominciato a cedere e abbiamo avuto molte informazioni via radio, ma quelle sono state solo verbali, mentre con il drone abbiamo avuto buone immagini da esaminare e ci ha aiutato davvero a prendere decisioni per estinguere questo fuoco e per mantenere i nostri uomini al sicuro”. Ha dichiarato il dottor Stefano Donoghue, responsabile dei vigili del fuoco. “Vederlo è utile”. – via USA Today

Droni per gli incendi violenti

I droni sono uno strumento prezioso per monitorare gli incendi. Un drone Predator della Guardia Nazionale è stato utilizzato per fornire supporto agli equipaggi dei vigili del fuoco intorno al parco nazionale di Yosemite durante un incendio che ha distrutto oltre 250.000 acri della Sierra Nevada. Con l’aumento della tecnologia dei droni civili, una unità molto più piccola e meno costosa può essere impiegata per raggiungere gli stessi obiettivi del Predator.

Il drone professionale della Guardia Nazionale della California era pilotato in remoto da centinaia di chilometri di distanza, permettendo ai comandanti a terra di tenere d’occhio i nuovi incendi che altrimenti non avrebbero visto subito. I dati sono stati forniti direttamente al comandante dei vigili responsabile dell’incidente, consentendogli di prendere decisioni rapide sulle risorse da distribuire e su dove indirizzarle.

Uso del drone per i Dipartimenti dei Vigili del Fuoco Locali

I dipartimenti locali dei vigili del fuoco vedono già grandi benefici dall’uso di droni professionali durante gli incendi strutturali e le missioni di ricerca e salvataggio. Il segretario Christopher Tracy  del Fairfield Fire Department in Fairfield, CT, è stato assistito da personale non addetto agli incendi con un drone e ha avuto entusiasmanti recensioni per la tecnologia.

Il capo Tracy non è l’unico. Il quartiere di protezione antincendio di Menlo Park è stato uno dei primi uffici dei vigili del fuoco nel paese a ricevere l’autorizzazione della FAA di far volare un drone. Hanno visto ottimi risultati e lo hanno trasformato in un patrimonio insostituibile.

L’equipaggiamento

Mentre la maggior parte dei dipartimenti dotati di programmi con droni usa un DJI Inspire 1 o un drone professionale molto più costoso, l’offerta più recente di DJI è il Matrice 210, un quadricottero IP43 resistente all’acqua e alla polvere con batterie a doppia ridondanza per extra tempo di volo e la sicurezza, nonché le opzioni di carico multiplo.

dji_matrice_200_series
DJI Matrice 200 con Zenmuse Z30 e Zenmuse XT.

Per i servizi antincendio, si consiglia il DJI Matrice 210 con Zenmuse X4S e Zenmuse XT. Lo Zenmuse X4S è una fotocamera ottica ad alta definizione 4K/20MP ideale per tenere d’occhio l’attività dell’equipaggio dei vigili del fuoco e l’ispezione dopo l’estinzione per aiutare le indagini investigative. Lo Zenmuse XT è una fotocamera di imaging termica plug-and-play che offre visibilità in condizioni di fumo e consente all’operatore di vedere potenziali punti problematici da un punto di vista sicuro e direzionare i flussi d’acqua in modo più efficiente. Il DJI Matrice 210 offre un doppio funzionamento per una maggiore sicurezza di volo, con il pilota in grado di fare riferimento a una piccola fotocamera FPV posta direttamente davanti al drone. Ha anche un video HD in uscita per la visualizzazione su un monitor remoto per il comando di riferimento per loro necessità. L’operatore della telecamera può passare tra i feed video ottici e termici come necessario durante tutto il corso del funzionamento.

I droni professionali della serie DJI Matrice 200 hanno una temperatura di esercizio da -20° a +45° C, che è un incremento significativo rispetto a droni più vecchi come i droni DJI Inspire 1 e DJI della serie Phantom. Inoltre vanta una lunga portata fino a 3km per le operazioni in incendi (anche se è necessaria un’autorizzazione FAA speciale per i voli fuori dalla visuale). Ha un tempo di volo massimo di 24 minuti con carico utile completo quando viene utilizzato con le batterie TB55. In precedenza, il tempo massimo di volo con una singola fotocamera era inferiore a 20 minuti.

Lascia un commento