GROUPAMA, fornitore di assicurazioni leader in Francia, ha integrato il DJI P4 Multispectral nel flusso di lavoro di acquisizione delle immagini dei danni alle colture da parte degli esperti sul campo, fornendo ai propri agricoltori-clienti dati multispettrali accurati e su richiesta. Il progetto, originariamente avviato nel GROUPAMA Rhône-Alpes Auvergne, viene ora esteso all’intero gruppo GROUPAMA.

La tecnologia dei droni in agricoltura generalmente deve soddisfare o superare due requisiti per attirare l’attenzione degli agricoltori odierni sovraccarichi di tecnologia: deve fornire dati accurati per un processo decisionale tempestivo e deve adattarsi in modo efficiente, e persino migliorare, il flusso di lavoro degli utenti.

Le prime versioni di questi robot da fattoria volanti in gran parte non sono riuscite a fornire entrambi i requisiti, poiché l’automazione e i pacchetti di rilevamento completamente integrati erano pochi e distanti tra loro durante i primi giorni di sviluppo di questa tecnologia.

Da quei primi giorni, i produttori di tecnologia dei droni hanno riavviato e ripristinato, tornando al tavolo con sistemi chiavi in ​​mano che richiedono il minor intervento possibile da parte degli agricoltori, con suite di sensori completamente integrate che forniscono dati preziosi.

Progetto biomasse vegetali GROUPAMA

Uno di questi gruppi che ha trovato successo integrando una delle ultime versioni di droni AG nel suo flusso di lavoro quotidiano è il gigante assicurativo francese GROUPAMA, un gruppo di oltre 34.000 dipendenti che assicura gran parte del grano e dei prodotti coltivati ​​in tutta la campagna francese.

Il gruppo e la sua rete di esperti sul campo hanno sempre avuto bisogno di tenere d’occhio i raccolti, specialmente quando le condizioni meteorologiche estreme attraversano la campagna e le colture subiscono il danno maggiore.

Prima che i droni iniziassero a diffondersi, ciò significava molte misurazioni e quantificazioni da parte dei rappresentanti sul campo di GROUPAMA usando nient’altro che i loro bulbi oculari, insieme a tutti i tipi di strumenti di misurazione digitali e non digitali.

“Era un po’ difficile e ci sarebbero voluti letteralmente giorni [per ispezionare un campo] e avrebbero dovuto acquisire molti materiali diversi per misurare correttamente le cose”, ricorda Timothee Craig, ingegnere di ricerca di GROUPAMA. “C’erano diversi tipi di misurazioni che dovevano fare per valutare e stimare adeguatamente l’entità dei danni superficiali sui raccolti causati da problemi climatici, come la grandine”.

GROUPAMA con DJI Matrice 200

Una volta che la tecnologia dei droni divenne ampiamente disponibile, il gruppo si mosse velocemente, acquisendo un DJI Phantom e dotando i suoi tecnici sul campo di iPad e del software proprietario exo.expert dell’azienda per l’elaborazione post volo.

“Abbiamo iniziato nel giugno 2016 con il lavoro di mappatura RGB su Phantom 4 Pro (P4 Pro) e poi abbiamo acquistato il DJI Matrice 200 (M200), quando è uscito, l’idea era di misurare e quantificare il danno al raccolto perché siamo una compagnia di assicurazioni”, ricorda Philippe Vayssac, Chief Innovation Officer di GROUPAMA Rhône Alpes Auvergne.

Quelle prime due piattaforme per droni funzionavano entrambe bene, ma devo ammettere che nessuna delle due era proprio il punto di svolta che GROUPAMA stava cercando.

“L’M200 era troppo grande per essere trasportato in campagna e dovevi collegare le diverse telecamere e calibrarlo e tutto il resto, c’erano molte cose coinvolte che avrebbero richiesto molto più tempo”, Timothée Craig dice.

Avendo trovato una piattaforma con il giusto mix di portabilità e specifiche tecniche nel P4 Pro originale, gli agricoltori hanno iniziato a prendere nota di ciò che GROUPAMA stava facendo con i droni e hanno iniziato a chiedere aiuto agli esperti sul campo del gruppo per altri problemi che speravano La tecnologia dei droni potresse alleviare, in particolare aiutando gli agricoltori a determinare dove e quando applicare fertilizzanti azotati nelle colture di colza per un assorbimento ottimale delle piante.

Quindi, Timothée Craig e il suo team di GROUPAMA sono tornati al tavolo da disegno e hanno escogitato un SOP per acquisire immagini con P4 Pro e trasformare quei dati in mappe di biomassa vegetale nella soluzione exo.expert, un’innovazione di GROUPAMA Rhône-Alpes Auvergne . I clienti degli agricoltori ora sono in grado di identificare rapidamente le aree di crescita delle colture più debole in cui applicazioni aggiuntive di azoto potrebbero aumentare i raccolti (e i profitti dell’azienda). O le aree in cui aveva senso applicare meno a causa dello scarso assorbimento o di una serie di altri fattori agronomici.

“I nostri esperti sul campo hanno apprezzato molto il fatto di poter vedere i risultati (del volo) con il P4 Pro immediatamente sul campo, senza connessione a Internet, utilizzando un iPad Pro e quindi avere le immagini a piena risoluzione circa mezz’ora dopo, senza dover fare una qualsiasi modifica”, ricorda Jingmin Guan, ingegnere di ricerca di GROUPAMA.

“E questo ci porta fino all’autunno dello scorso anno (2019), quando DJI ha annunciato che stava rilasciando il P4 Multispectral (P4M)”, afferma Jingmin Guan. “Sapevamo da subito che dovevamo averne uno, perché copriva tutto ciò che volevamo (in un drone), quindi ne abbiamo comprato uno subito.”

dji p4m sul campo
Il DJI Phantom 4 Multispectral progettato per usi nell’agricoltura di precisione

P4 Multispectral si rivela utile sul campo

Fin dal primo giorno in cui i suoi esperti sul campo volavano con il nuovo P4M, GROUPAMA sapeva di avere qualcosa di speciale.

Testando il nuovo uccello sui campi di colza dei suoi clienti ad Assieu, appena a sud della sede globale del gruppo, i guadagni di efficienza derivanti dall’integrazione del sensore e del drone in un’unica soluzione sono stati immediatamente evidenti. Ora, gli esperti di GROUPAMA possono coprire da 15 a 30 acri per giornata lavorativa, con alcuni in grado di volare oltre 100 acri quando i campi si trovano nelle immediate vicinanze.

Coprire più superficie in un giorno è sempre una statistica potente nell’agricoltura, perché in quel mondo il tempo è tutto e il tempo è denaro.

“[Tutto] è lì in un unico drone, quindi non dobbiamo montare nulla, devi solo volare sul campo e ottenere le immagini, che è il flusso di lavoro a cui eravamo abituati comunque con il normale P4 Pro“, spiega Craig. “È davvero efficiente, perché per noi semplifica il flusso di lavoro e consente ai nostri esperti di fare il loro lavoro ed essere i padroni della fattoria”.

Prima di offrire questo servizio ai propri clienti degli agricoltori, Craig afferma che molti degli agricoltori con cui ha lavorato si stavano sottoscrivendo per costosi abbonamenti a fornitori di dati satellitari a bassa risoluzione.

Il P4M ha inoltre consentito agli esperti sul campo di GROUPAMA di superare altri due limiti scoperti nell’utilizzo di Phantom 4 Pro e M200 nelle stagioni precedenti.

Numero uno, la capacità di elaborare le immagini in un’anteprima iniziale o livemap ai margini del campo del Il DJI Phantom 4 Multispectral progettato per usi nell’agricoltura di precisione era importante, poiché molti dei voli si stavano svolgendo in aree con connettività Internet bassa o addirittura inesistente. In secondo luogo, il modulo RTK integrato nel P4M era più preciso di qualsiasi cosa Craig e il suo team avessero utilizzato fino a quel momento.

Il drone è molto, molto più preciso di tutti i droni che abbiamo usato in precedenza”, aggiunge. “Il che ci aiuta molto perché è molto importante avere quella mappa molto precisa e aggiunge anche più credibilità a ciò che viene creato”.

dji p4m mappa
Risultati della mappa del campo della soluzione software P4 Multispectral + exo.expert

Craig osserva che il gruppo deve ancora testare le funzioni di correzione della cinematica in tempo reale (RTK) incluse, ottenendo risultati sufficientemente accurati con il modulo GPS di bordo.

E, naturalmente, avere un array di telecamere multispettrali integrato e completamente dedicato che cattura 5 bande spettrali (blu, verde, rosso, bordo rosso) e vicino infrarosso (più lo standard RGB), non ha fatto male neanche. La fotocamera ha funzionato al di sopra e al di là delle aspettative di Craig e del team di GROUPAMA, dimostrandosi più precisa con una risoluzione migliore rispetto alle immagini satellitari che molti agricoltori francesi erano abituati a utilizzare per la mappatura.

Il DJI P4M è infatti dotato di 1 telecamera RGB e un array di telecamere multispettrali con 5 telecamere che coprono le bande blu, verde, rosso, rosso e vicino all’infrarosso

“Dai numeri che ricordo, penso che fossero circa 20 metri per pixel o qualcosa di simile sulle immagini satellitari, e possiamo fornire risoluzioni inferiori a 10 centimetri per pixel con il P4M”, dice.

Conclusione

Un aspetto del progetto GROUPAMA della colza che non può essere misurato da un sensore è la tranquillità che fornisce ai clienti degli agricoltori del gruppo che stanno ottenendo dati accurati e di alta qualità da utilizzare nei processi decisionali.

“Alcuni dei miei esperti mi hanno detto, è quasi come se usare il drone fosse una sorta di forza unificante nel rapporto tra loro e l’agricoltore”, condivide. “All’agricoltore piace che siano qui e utilizzino qualcosa di così preciso e all’avanguardia nei loro campi, e aiuta a cambiare la conversazione dei nostri esperti che cercano di vendere loro i prodotti ai nostri esperti che ora li stanno aiutando a coltivare in modo più accurato.”

Il prossimo passo per il programma di droni GROUPAMA, secondo Craig, è l’espansione del programma tramite l’acquisto di P4M aggiuntivi per gli esperti GROUPAMA, in modo che gli agricoltori dell’intera regione possano sperimentare ciò che il drone può fare per le loro operazioni.

Per un gruppo che assicura e assiste circa la metà degli agricoltori in Francia, DJI ha dimostrato di avere la soluzione che funziona meglio.

“Abbiamo pensato che loro (DJI) fossero i migliori sul mercato e volevamo fornire ai nostri ragazzi gli strumenti migliori per il lavoro”, dice Jingmin Guan. “Questo progetto ha dimostrato che avevamo ragione e il DJI P4M è la soluzione migliore per noi.”

Il P4 Multispectral è il primo drone di imaging multispettrale veramente accessibile al mondo progettato per usi nell’agricoltura di precisione e altro ancora, fornendo approfondimenti sulla salute delle piante. I dati acquisiti da un drone multispettrale P4 sono l’inizio di nuove missioni di agricoltura intelligente, consentendo agli agricoltori di aggiungere ulteriore tecnologia per portare veramente le loro attività agricole nell’era digitale.

Lascia un commento