Il DJI M300 ha fissato lo standard per i droni aziendali con una combinazione di durata, prestazioni e payload avanzati. È stato rilasciato nel 2020 insieme allo Zenmuse H20, una soluzione ibrida multi-sensore per applicazioni industriali e missioni di sicurezza pubblica. L’H20T, L1 e P1 sono seguiti subito dopo. Il nuovo payload, l’H20N, è un sensore ibrido termico, zoom, laser rangefinder e Starlight che offre potenti intuizioni aeree, indipendentemente dal tempo o dall’ora del giorno.

Il sensore Starlight è l’innovazione principale. È ideale per individuare dettagli vitali in condizioni di scarsa visibilità, sia che tu stia svolgendo una missione di ricerca e salvataggio o che tu stia mettendo in sicurezza un luogo dopo il tramonto. Ecco sei caratteristiche di H20N che siamo entusiasti di condividere con la comunità Enterprise.

dji m30

Sensori Starlight per operazioni con poca luce

Ci sono molti scenari in cui la termografia non è la soluzione migliore. Durante le missioni di ricerca e salvataggio, le misurazioni della temperatura in superficie da un sensore termico non sempre raccontano l’intera storia. Richiedono un certo grado di interpretazione e gli operatori possono essere ingannati dalle condizioni, dall’abbigliamento e persino dalle coperte di salvataggio. Tutto questo può rendere l’identificazione delle persone in condizioni di scarsa luminosità una sfida significativa.

I sensori Starlight sono diversi. Per capire come, cominciamo con l’illuminamento. Questa è l’intensità della luce che una data area emana. Si misura in Lux (detto anche flusso luminoso per unità di superficie). 1 Lux è uguale a un lumen per metro quadrato. In generale, l’occhio umano fatica a identificare gli oggetti quando l’intensità della luce scende sotto i 20 Lux.

I sensori Starlight hanno un’apertura più ampia e una velocità dell’otturatore ridotta rispetto alle fotocamere standard. Questo permette a più luce di raggiungere il sensore, per una maggiore chiarezza in condizioni di scarsa luminosità. Il sensore lavora insieme ad algoritmi che sopprimono il rumore dell’immagine e ne migliorano la qualità.

Il nostro sensore Starlight è all’interno di entrambe le telecamere Zoom e Wide dell’ H20N. Quando il payload viene utilizzato in modalità notturna, la telecamera commuta il filtro IR dell’obiettivo e i parametri ISP vengono regolati. Un algoritmo intelligente di miglioramento della bassa luce permette agli operatori di rilevare fonti di luce a partire da 0,0001 Lux, ben oltre ciò che l’occhio umano è in grado di vedere.

Il risultato è una capacità rivoluzionaria di visualizzare chiaramente obiettivi e punti di interesse attraverso l’oscurità.

confronto visuali
A sinistra: vista dall’occhio umano; a destra: Telecamera Starlight Zoom

Potenti capacità di zoom

L’H20N ha una telecamera con zoom ottico ibrido 20x da 4MP con l’aggiunta della funzionalità Starlight. Questa potente combinazione permette una gamma di applicazioni di sicurezza pubblica e di protezione, dalla ricerca di persone scomparse, all’identificazione di bracconieri illegali dopo il tramonto, al pattugliamento notturno di miniere, cantieri e altre aree sensibili.

Siamo entusiasti di vedere che questa tecnologia si traduce in vantaggi significativi per le missioni notturne di ricerca e salvataggio. I primi piani ad alta risoluzione e le immagini riconoscibili in condizioni di scarsa illuminazione promettono di ridurre i falsi positivi, migliorare le decisioni sull’impiego delle risorse e ridurre il tempo che le missioni richiedono dall’inizio alla fine.

h20n

Doppi sensori termici

A complemento della nostra nuova capacità Starlight, la H20N include due sensori termici per trasmettere dati infrarossi dettagliati. Due telecamere termiche a lente fissa 640×512 eliminano la necessità di uno zoom continuo: una offre uno zoom 2x e l’altra uno zoom 8x.

Ora, quando vedi dei pixel caldi sullo schermo, non devi scendere a quote pericolosamente basse per dare un’occhiata più da vicino. Puoi semplicemente zoomare per vedere chiaramente se quella fonte di calore è una persona, un animale o qualcos’altro. Questo passo avanti aumenta significativamente la distanza di osservazione delle capacità di imaging termico dell’H20N e fa risparmiare ai piloti tempo prezioso, quando ogni momento conta.

zoom
Lo zoom split-screen sincronizzato ti fa risparmiare tempo e aumenta l’efficienza della ricerca

Zoom sincronizzato a schermo diviso

I payload ibridi dell’H20N sono più potenti quando vengono usati insieme.

Gli operatori possono migliorare la visibilità in condizioni difficili facendo lo zoom simultaneamente su uno split-screen con entrambi i sensori termici e visivi. In condizioni di scarsa luminosità e quando è necessaria la certezza prima di prendere decisioni operative, avere questa flessibilità a portata di mano è fondamentale.

Un telemetro laser per una precisione senza pari

L’H20N riprende lo stesso telemetro laser incorporato nei payload Zenmuse H20 e H20T. Con un campo di rilevamento da 3 a 1200 metri, il telemetro fornisce coordinate precise di un luogo o di un oggetto con una precisione di +/- 1 metro. La funzione PinPoint significa che questa capacità è sempre a portata di mano. Un rapido tocco segna un oggetto in vista, prima che gli avanzati algoritmi di fusione dei sensori di DJI forniscano le sue coordinate GPS – insieme alla sua distanza dal velivolo e all’altezza relativa.

In combinazione con i sensori Starlight dell’H20N, la scarsa luminosità non è più un problema quando si coordinano le missioni dall’alto.

H20N - Laser Rangefinder
Il lampo di luce in questa GIF viene dal telemetro laser della H20N, rilevato dai suoi sensori di luce stellare

Durata e resistenza

Il payload ibrido H20N è stato progettato per resistere alle condizioni di prova e supportare le missioni di sicurezza pubblica e di protezione in qualsiasi condizione atmosferica. È classificato IP44 e può funzionare a temperature da -20 a 50 gradi Celsius.

Poiché i droni diventano strumenti essenziali per le squadre di emergenza e le squadre di ispezione, è vitale che i payload siano abbastanza robusti da gestire qualsiasi cosa gli elementi abbiano in serbo. L’H20N non ti deluderà.

Quali sono le principali differenze tra lo Zenmuse H20N e l’H20T?

Lo Zenmuse H20T e l’H20N hanno molto in comune. Ma un paio di sottili differenze li ottimizzano per diversi scenari di missione. Sulla H20N, entrambe le fotocamere Wide e Zoom incorporano sensori Starlight che sono più adatti per ambienti con poca luce. Quando la chiarezza dell’immagine e la capacità di identificare persone o oggetti dopo il tramonto sono la priorità, la capacità della H20N non ha rivali.

Durante il giorno, le cose sono diverse. Questo perché la telecamera larga della H20N ha un numero di pixel inferiore rispetto alla H20T. Affinché la H20N raggiunga le sue impressionanti capacità in condizioni di scarsa luminosità, ogni pixel deve essere più grande per far entrare più luce. I sensori CMOS su entrambi i payload sono paragonabili (1/1.8 vs 1/1.7) ma l’H20N ha meno pixel in generale per ottimizzare le sue prestazioni in condizioni di scarsa luminosità.

L’H20N ha anche due termocamere con funzionalità di zoom ibrido, aumentando significativamente la distanza di osservazione del sensore termico.

Il miglior payload per voi dipenderà dalle condizioni e dalla missione, ma prevediamo che la H20N e la H20T si completino a vicenda. Questo ultimo sensore ibrido fornisce una versatilità senza precedenti per le squadre di sicurezza pubblica che lavorano con M300.

m30 con h20n

Ridefinire il lavoro dei droni dopo il tramonto

L’H20N è una potente opzione di payload per le operazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Non vediamo l’ora di vedere come gli utenti di M300 in tutto il mondo lo incorporano in missioni vitali di sicurezza pubblica e protezione.

Per informazioni e preventivi contattaci

    This entry was posted in Blog and tagged .