Intel prevede droni con cervello e occhi “biologici”

droni_Intel

Intel spera che la sua nuova e all’avanguardia 21ma tecnologia renderà i droni intelligenti almeno quanto gli insetti, forse anche gli uccelli.

Intel prevede dei droni biologici.

L’azienda sta installando i suoi nuovi chip Loihi nei droni, sperando di dare loro capacità di avvicinamento agli animali.

I droni sono una tecnologia straordinaria. Ma tra le cose che non possono fare è volare autonomamente attraverso ambienti complessi ad alta velocità senza sbattere contro le cose.

Intel spera che il suo chip Loihi neuromorfico farà sì che i droni si comportino più come animali. Il chip assomiglia più a un cervello biologico che a un computer elettronico. Secondo l’EEJournal, Loihi ha 2 miliardi di transistor, che simulano 130.000 neuroni e 130 milioni di sinapsi.

Mike Davies dirige il Neuromorphic Computing Lab presso Intel.

“Animali come i calopsiti che volano per il mondo a velocità fino a 20 miglia all’ora in ambienti estranei, imparando rapidamente la mappa, i punti di riferimento e gli ostacoli che devono affrontare”, ha detto Davies a Forbes. “Tutti i tipi di comportamenti e capacità che siamo lontani dal raggiungere con la nostra tecnologia di oggi.”

Intel sta iniziando applicando la tecnologia neuromorfica alle telecamere dei droni. Una fotocamera convenzionale scatta più istantanee del mondo. Ma Intel spera che Loihi consentirà alle telecamere di funzionare più come occhi naturali, rispondendo quasi istantaneamente al cambiamento visivo.

Quindi, il chip Loihi prenderà quei segnali di tipo biologico dalla fotocamera e li elaborerà più come un cervello biologico.

Intel prevede dei droni biologici.

Si aspetta che questi miglioramenti nel rilevamento e nell’analisi rendano un drone veloce e agile come un uccello senza la CPU pesante e assetata di energia.

chips
Due miliardi di transistor in quei chip

Come abbiamo riportato in precedenza, i droni stanno già raccogliendo suggerimenti dal mondo animale su come volare e percepire.

Come terreno di prova, Intel sta portando la tecnologia alle corse di droni con l’ETH di Zurigo. L’università svizzera ha sperimentato con piloti di droni autonomi. E sembra che potrebbe essere di aiuto, soprattutto quando si tratta di velocità.


Ma Forbes suggerisce che gli obiettivi a lungo termine saranno migliorare le consegne e le ispezioni o eseguire lavori effettivi, come dipingere ponti o irrorare i raccolti.

“Nonostante decenni di progressi che abbiamo avuto, siamo ancora lontani dalle capacità degli organismi naturali. Come calcolano, si muovono nel mondo e consumano i dati che si generano in tempo reale”. Dice Davies. “Se riusciamo a raggiungere questo tipo di capacità, questo cambierà davvero le regole del gioco per il mondo”.

Questo elemento è stato inserito in Blog e taggato .

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se disabiliti i cookie alcune funzionalità non saranno disponibili.