M300 RTK ed elicotteri possono volare in tandem per combattere gli incendi

drone_incendi

Ecco come i droni antincendio DJI M300 RTK dotati di telemetria laser e telecamere a infrarossi stanno aiutando i primi soccorritori a rilevare, contenere e persino spegnere gli incendi più velocemente.

Droni ed elicotteri non si mescolano: questo è un messaggio che abbiamo sentito più e più volte. E non senza motivo. Se un drone spericolato si libra vicino a un fuoco attivo per catturare una foto o un video “interessante”, potrebbe benissimo mettere in pericolo la vita dei vigili del fuoco in volo e ostacolare gli sforzi di soppressione degli incendi.

Nel giugno 2020, durante l’incendio di Poeville in Nevada, i funzionari della pubblica sicurezza sono stati costretti a interrompere le operazioni aeree dopo aver ricevuto segnalazioni di due droni non identificati che volavano nell’area. E questo non è stato un incidente isolato. I droni civili si sono intromessi nelle operazioni aeree così tante volte negli ultimi anni che le agenzie antincendio degli Stati Uniti, così come la Federal Aviation Administration (FAA), hanno condotto campagne di sensibilizzazione pubbliche per dissuadere i piloti hobbisti dal volare vicino a un disastro.

Principalmente, il problema non è tanto con i droni che volano in un incendio, ma con droni civili non autorizzati che mettono a repentaglio gli elicotteri antincendio e l’equipaggio a bordo. Perché con una regolamentazione adeguata e un’organizzazione dello spazio aereo, l’integrazione dei droni nel toolkit dei vigili del fuoco può rivelarsi un punto di svolta.

I droni aiutano i velivoli antincendio per salvare milioni di persone

Questo è esattamente quello che è successo nel 2017, durante la fase di burnout del North Umpqua Fire in Oregon. Il Dipartimento degli interni degli Stati Uniti (DOI) ha deciso di sfruttare un drone per fornire consapevolezza della situazione agli equipaggi di terra. La telecamera a infrarossi del drone ha presto rilevato un punto di fuoco attraverso le linee di contenimento, minacciando proprio l’area che i vigili del fuoco stavano cercando di proteggere.

Nella sua dichiarazione ufficiale dopo l’incendio, il DOI ha affermato che la mancata scoperta tempestiva dell’incendio avrebbe portato alla potenziale distruzione di 50 milioni di dollari di proprietà e infrastrutture.

Quindi, non sorprende che i vigili del fuoco in prima linea e coloro che dirigono le operazioni che hanno già assistito ai miglioramenti che i droni agili e veloci da schierare apportano alle tecniche antincendio convenzionali a terra li chiamano la più grande innovazione nella lotta antincendio degli ultimi anni.

Un esempio di elicotteri e droni antincendio che lavorano in armonia

Il 23 ottobre 2020 è scoppiato un violento incendio nella contea di Nan’ao, un’area rurale montuosa della città di Shantou, nel sud della Cina. Venti instabili e ad alta velocità significavano che le fiamme si sarebbero diffuse rapidamente, formando tre siti di fuoco: la montagna Hulu a ovest, la stazione di Guantong nel mezzo e una piccola collina a est della stazione. I funzionari di pubblica sicurezza furono tenuti a mobilitare tutte le forze per contenere l’incendio.

Una parte essenziale dell’arsenale dell’equipaggio in prima linea era un drone DJI Matrice 300 RTK equipaggiato con la soluzione di sensori ibridi DJI Zenmuse H20T, ovvero sensori di luce visibile e infrarossi radiometrici. Mentre la potente telecamera con zoom grandangolare si è rivelata utile per coprire rapidamente il terreno, la termocamera ha assicurato che anche quei punti caldi del fuoco, oscurati dal fumo denso e non visibili ad occhio nudo, fossero rilevati rapidamente.

Ancora più importante, a causa delle sue dimensioni e della facile manovrabilità, il drone è stato in grado di accedere ad aree in cui anche i piloti di elicotteri avrebbero dovuto affrontare vincoli, e anche questo senza mettere a rischio l’equipaggio.

droni antincendio

È anche importante notare che la contea di Nan’ao ha una velocità del vento media annua di 8,5 m/s e un normale drone non sarebbe riuscito a fornire al centro di comando una trasmissione live stabile, priva di jitter e continua dall’area interessata. Il DJI M300 RTK, tuttavia, è progettato per funzionare negli ambienti più difficili ed è attrezzato per resistere a velocità del vento fino a 15 m/s.

Con il suo tempo di volo più lungo della classe (55 min), una portata di trasmissione di 15 km e caratteristiche di sicurezza e affidabilità senza rivali, il drone DJI M300 RTK con carico utile Zenmuse H20T:

  • Fornito ai vigili del fuoco una vista a volo d’uccello di vaste aree di terreno forestale,
  • Coordinate di posizione precise condivise di hotspot volatili
  • Serve come sistema di allarme preventivo per supportare la mitigazione dei pericoli e il lavoro di salvataggio.

Consapevolezza della situazione con doppi sensori e telemetro laser

Intorno alle 8 del mattino del 25 ottobre, l’M300 RTK è volato verso il punto di incendio della montagna Hulu sul lato ovest. Utilizzando sia le telecamere a infrarossi che quelle a luce visibile in modalità a doppio schermo, la fonte di fuoco, oscurata dal fumo, è stata scoperta rapidamente. Il filmato ingrandito mostrava chiaramente la propagazione dell’incendio a distanza ravvicinata, aiutando il centro di comando a comprendere i rischi e mobilitare di conseguenza le cisterne d’acqua degli elicotteri.

Lo stesso pomeriggio, un nuovo incendio è stato segnalato sulle colline sul lato est. Il drone DJI era in aria in pochi minuti per indagare sulla situazione e capire il punto di accensione. Ma ha fatto di più.

telecamera termica

Il filmato del drone ha mostrato che una fonte d’acqua era disponibile a circa 300 metri a ovest del punto di accensione. Le coordinate esatte della fonte d’acqua sono state trasmesse al team di terra utilizzando la funzione di telemetro laser dello Zenmuse H20T. Ciò ha consentito ai vigili del fuoco forestale di installare un tubo dell’acqua tra la fonte d’acqua e il sito dell’incendio, sopprimendo efficacemente l’incendio in pochissimo tempo.

Evitare incendi secondari e riaccensioni con i droni antincendio

La mattina del 26 ottobre, l’incendio della contea di Nan’ao aveva raggiunto le sue fasi finali. La principale preoccupazione della squadra antincendio a questo punto era quella di evitare incendi secondari e riaccensioni. Affidarsi alla manodopera tradizionale per indagare e riferire rallenterebbe il progresso e renderebbe difficile qualsiasi probabile contenimento delle fiamme.

Quindi, l’M300 RTK è salito di nuovo a un’altitudine di 90 metri e ha setacciato il terreno fumante, studiando attentamente il rischio di riaccensione. Non appena l’obiettivo grandangolare del drone ha rivelato un flusso costante di fumo che sale da foglie e rami morti, l’operatore ha sfruttato la modalità zoom 20x per ottenere un’immagine più chiara. Ma poiché era giorno e il fumo ostruiva la visuale, l’operatore è passato al sensore termico a infrarossi per accertare la temperatura della vegetazione circostante.

Insieme, questi dettagli hanno confermato un potenziale punto di fumo di riaccensione e il telemetro laser è stato utilizzato per trasmettere le coordinate esatte dell’hotspot in erba al centro di comando. Ricevuta la precisa geolocalizzazione, un elicottero è decollato immediatamente per eliminare il punto di fumo.

elicottero antincendio

L’intero processo, dalla scoperta di un punto di accensione sospetto alla soppressione dell’incendio in una fase in erba, non ha richiesto più di un’ora – una chiara testimonianza che se droni ed elicotteri lavorano insieme, gli sforzi di lotta agli incendi possono essere migliorati notevolmente.

I droni antincendio aumentano la sicurezza e il processo decisionale

I droni migliorano la sicurezza sia per chi è in prima linea sia per il pubblico e per la proprietà che proteggono. E in un momento in cui gli incendi diventano sempre più grandi e feroci ad ogni stagione, stare un passo avanti alle fiamme è diventato più essenziale che mai.

È stato dimostrato più volte che i droni DJI possono portare la lotta antincendio aerea a un livello superiore volando nelle condizioni meteorologiche più sfavorevoli e fornendo alle squadre di vigili del fuoco dati georeferenziati affidabili che migliorano il processo decisionale.

Questo elemento è stato inserito in Blog e taggato .

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se disabiliti i cookie alcune funzionalità non saranno disponibili.